Lombardia, Progetto di legge per videosorveglianza negli asili nido

“La Regione dimostra la sua sensibilità e la volontà d’azione in un ambito delicato e fondamentale come quello degli asili nido.” Lo afferma il Presidente della Commissione Sanità e Politiche sociali del Pirellone Emanuele Monti in merito al progetto di legge che finanzierà la videosorveglianza negli asili nido lombardi.

“Purtroppo – afferma Emanuele Monti – la cronaca degli ultimi tempi ha testimoniato casi di maltrattamenti di bambini in alcune strutture, come accaduto a Gavirate in Provincia di Varese, fatti di una gravità inaudita emersi grazie al buon lavoro delle Forze dell’Ordine.

Il dovere delle Istituzioni è reagire, facendo in modo che questi episodi non capitino più e l’annuncio del Governatore Fontana e dell’Assessore Piani circa il progetto di legge che andrà in Giunta giovedì dimostra questa sensibilità.

Lo stanziamento previsto sarà di 600 mila euro, che serviranno per favorire l’installazione su base volontaria di sistemi di videosorveglianza, cui si sommeranno altri 300 mila per interventi di formazione e prevenzione.

Dal canto mio assicuro la massima collaborazione nel fare in modo che la commissione che presiedo possa fare la sua parte, nell’interesse di tutti. Non si tratta infatti di una ‘caccia alle streghe’ e siamo perfettamente consapevoli di come la stragrande maggioranza delle maestre che ogni giorno lavorano nei nidi lombardi lo faccia con professionalità, dedizione e passione per i più piccoli.

Con questo provvedimento puntiamo a tutelare non soltanto le famiglie e i bambini, ma anche gli stessi operatori che hanno il fondamentale diritto di lavorare serenamente, sgravati dai pregiudizi che possono crearsi per colpa di poche mele marce.

Regione Lombardia – conclude Emanuele Monti – vuole quindi creare la condizioni per impedire che altri casi come quello di Gavirate inquinino un ambito di cruciale importanza per lo sviluppo armonico dei bambini.”