Varese Press giornale online

gli altri siamo noi

Perdonata la marescialla sexy dei carabinieri

La macchina del fango non colpisce solo i politici, talvolta anche l’infermiera, piuttosto che la monaca, o in questo caso persino una marescialla.


Qualche foto rubata, qualche amica invidiosa o qualche spasimante respinto, non si sa si preciso come accade in questi casi.
Le sue foto hot girano da un telefono all’altro fino ai superiori che ” fanno accertamenti”.


L’Arma non è un’Istituzione qualsiasi,  è l’Istituzione più amata dagli italiani e quindi non si transige.
Qualche collega magari si aspettava che fosse trasferita in Sardegna ( si dice sempre così seppure sia una terra bellissima) e invece all’invidioso/a è andata male.

All’inizio aveva parlato di qualche scatto rubato da un hacker o qualche storia finita non bene. Il caso ha fatto tanto parlare che 
Rocco Siffredi l’aveva difesa: “Se una fa la sexy girl sul posto di lavoro non va bene”, ha detto, “Ma se nel 2018, con il porno che è entrato in tutte le nostre case e nei nostri telefoni, una ragazza si diverte un po’ non si capisce davvero cosa ci sia di male”
Nessuna sospensione, pericolo scampato.

Perdonata la marescialla sexy dei carabinieri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *