Varese Press giornale online

gli altri siamo noi

M5S Lombardia: in tema di rifiuti bisogna uscire dalla dinamica dello scontro perpetuo, stop a inceneritori!

Nella discussione in Consiglio Regionale i pentastellati condividono la mozione sui rifiuti sul trattamento dei rifiuti di altre regioni negli impianti della Lombardia.

in tema di rifiuti bisogna uscire dalla dinamica dello scontro perpetuo
Inceneritore di Brescia

Un comunicato stampa dei consiglieri regionali di M5S Lombardia recita “Condividiamola mozione sui rifiuti discussa in Consiglio regionale, il Ministro Costa è persona seria e capace e si è già esposto su questo tema offrendo ampie rassicurazioni alla Lombardia”.

“Il M5S si è opposto dal primo minuto allo Sblocca Italia di Renzi che ha consentito di incenerire i rifiuti di altre regioni con una legge demenziale del PD che ha permesso alla spazzatura di viaggiare in tutta Italia. Sul tema dell’incenerimento di rifiuti da altre regioni è necessario uscire dalla dinamica di scontro perpetuo tra regione e regione o tra nord e sud” continua il comunicato. 

“Prevedere nuovi inceneritori è antistorico e miope. Il recupero, il riuso e il riciclo sono l’unica strada da percorrere”, così Massimo De Rosa,consigliere regionale del M5S Lombardia, commenta il voto favorevole del M5S Lombardia alla mozione sul trattamento dei rifiuti di altre regioni negli impianti della Lombardia.

Il Consigliere regionale del M5S Lombardia Roberto Cenci aggiunge:“Spiace che non siano stati accettati i nostri emendamenti che avrebbero reso più agevole la riduzione del numero di inceneritori con un crono programma certo, come già richiesto e ottenuto nella scorsa Legislatura. Oggi la differenziata in Lombardia ha superato il 70 per cento, via via il materiale da incenerire sarà sempre meno. Abbiamo accettato l’amianto per molti anni per poi scoprire i gravi danni che crea alla salute. Non vorremmo che tra vent’anni si scopra che le polveri degli inceneritori hanno gli stessi effetti. Gli inceneritori vanno dismessi”.

Gallarate 05 dicembre 2018

Fabrizio Sbardella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *