Varese Press giornale online

gli altri siamo noi

Domani è tardi i pendolari chiedono misure urgenti

RAPPRESENTANTI DEI VIAGGIATORI
alla Conferenza Regionale del Trasporto Pubblico Locale
Regione Lombardia

*“Domani è già tardi” – I rappresentanti dei viaggiatori chiedono da subito misure
urgenti per risolvere le criticità del servizio ferroviario*
Abbiamo seguito con attenzione il dibattito politico di questi giorni, prima in Consiglio
Regionale, poi l’incontro istituzionale a Roma tra il ministro Toninelli e il Presidente
Fontana.
Al di là della gravità della situazione riconosciuta da più parti, il dibattito è entrato ben poco
nel merito delle possibili soluzioni ai disagi che i viaggiatori subiscono quotidianamente. La
prospettiva di dover passare il prossimo inverno con questa situazione è insostenibile per i
quasi 800mila cittadini lombardi che utilizzano il servizio ferroviario regionale.
Chiediamo pertanto sin da ora l’attuazione di misure urgenti in grado di ridurre
significativamente i disagi odierni.
Il punto di inizio per trasformare le parole in fatti è la piena attuazione di quanto previsto
dalla legge regionale 6/2012. Questo strumento, per molti aspetti innovativo della Regione
Lombardia, prevede il coinvolgimento dei viaggiatori nella programmazione dei servizi e la
Conferenza del TPL quale organo consultivo sui servizi.
Occorre quindi che Regione Lombardia e Trenord dimostrino che l’aria è veramente
cambiata, iniziando ad ascoltare le istanze, le segnalazioni e le richieste operative che
nascono dai tavoli territoriali, accettando di ridiscutere il presunto e non ancora pubblico
piano di gestione dell’attuale emergenza. Troppe volte in passato queste occasioni si sono
trasformate in mere rassegne informative, caratterizzate da uno scambio unidirezionale di
informazione.
Analogamente la Conferenza del TPL non è da considerarsi una mera formalità, bensì un
momento costruttivo e di trasparenza in merito a scelte da condividere tra Istituzioni,
stakeholders, rappresentanti dei lavoratori, dei viaggiatori e dei consumatori-utenti. Ed è
proprio la Conferenza il luogo più appropriato nel quale decidere la composizione e la
modalità di funzionamento dell’organismo indipendente di controllo previsto dalla
risoluzione approvata in Consiglio Regionale.
Tale organismo non può in ogni caso prescindere dalla presenza di almeno un
rappresentante dei viaggiatori, a garanzia della trasparenza e dell’indipendenza. Torniamo
pertanto a chiedere con forza all’assessore Terzi e al Presidente Fontana la convocazione
urgente della Conferenza TPL.
La situazione è grave e può essere risolta solo se tutti i soggetti coinvolti si assumono le
proprie responsabilità e si impegnano al fine di lasciare alle spalle un passato di disagi.
Chiediamo a FS, RFI e Trenitalia di mettere subito a disposizione le opportune risorse
operative tecniche ed umane, soprattutto per effettuare la manutenzione del materiale
rotabile e delle infrastrutture ed evitare il ricorso alle inaccettabili sostituzioni con autobus.
Chiediamo inoltre ai Sindacati, ai fini di superare l’attuale e speriamo ultima emergenza, la
massima disponibilità ai fini dell’incremento dell’operatività delle officine, ovviamente nel
rispetto delle regole del lavoro.
Chiediamo infine, ma non da ultimo, al Ministero la revisione immediata dei Regolamenti
attinenti alla gestione dell’esercizio ferroviario al fine di snellire e fluidificare la gestione
operativa e la circolazione.
Riteniamo che solo col pieno accoglimento di quanto sopra richiesto, nonché la relativa
verifica sul campo, sarà possibile superare le attuali criticità e tornare ad avere fiducia
negli impegni assunti dalle Istituzioni per il futuro.
I rappresentanti dei viaggiatori lombardi alla Conferenza Regionale del Trasporto Pubblico
Locale
Aggio Franco Dahò Giorgio Lorenzi Stefano Mambretti Matteo Salmoiraghi Sara
Milano, 15 novembre 2018

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *