Varese Press giornale online

gli altri siamo noi

Busto: Il comitato antifascista contro il principe Emanuele Filiberto

di Giuseppe Criseo

“E’ singolare e allarmante infatti, che nel centenario della Prima Guerra Mondiale, la cui causa non può non essere imputata alla responsabilità di casa Savoia, ad 80 anni esatti dalla firma ingloriosa dello stesso Savoia delle leggi razziali del governo fascista (il Regio Decreto 1728 del 17 novembre 1938), sceso a patti con i nazisti, generando morte e flagello per l’Italia intera, il sindaco della Città di Busto Arsizio, medaglia di Bronzo per la resistenza, chiami l’ultimo rampollo di questa sciagurata casa “reale” per inaugurare una piazza.”

E’uno dei passaggi chiave del comitato antifascista di Busto..

Sono tempi duri chi è disoccupato, chi si suicida, chi tenta di suicidarsi, chi aspetta i soldi dal Governo, chi aspetta di sapere per il condono o come si voglia chiamare, altri sperano nella pensione.

I politici di sinistra, quasi sparita a dirla tutta, sperano di compattarsi con battaglie ideologiche che non si capisce quale popolo debbano riunire.

Ricompattare la sinistra con l’antifascismo fa ridere, non che il Fascismo non abbia compiuto errori ( a partire dalla guerra e dalle leggi razziali) ma dopo tanti decenni bisognerebbe avere il coraggio di chiarire i tanti misteri della condanna di Mussolini, del carteggio con Chirchill, ecc.ecc.

Chi ha militato da una parte o dall’altra ci ha creduto, ha sofferto e avuto morti in famiglia, però ne vogliamo parlare nei prossimi secoli?

Il pincipe è persona fine ed educata e non scende a certe mezzucci per conquistare la simpatia ( per il partito monarchico la vedo dura) e comunque se dobbiamo imputare a lui le colpe dei suoi antenati vuol dire che stiamo sfiorando il ridicolo..

Qualcuno potrebbe ricordarci le crociate, altri addirittura potrebbero ricordare che Roma dominava il mondo, ecc.

Finiamolo e cominciamo ad occuparci dei problemi seri del paese:le infrastrutture, scuole, sanità e lavoro, il resto sono chiacchere da bar si diceva una volta, ora meglio da social ( fa più scena).

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *