Varese Press giornale online

gli altri siamo noi

Palermo, non esiste la libertà di associarsi alla Massoneria?

di Giuseppe Criseo

Questa mattina la Massoneria nella Sala Mattarella del Palazzo dei Normanni a Palermo. Contro vecchie e nuove persecuzioni. Per tornare a essere protagonisti del Destino culturale, politico e spirituale del nostro Paese… (foto tratta da Orgoglio Massone)

La vicenda politicamente scorretta della massofobia siciliana di Fava, sta facendo discutere la Sicilia, ma induce a una serie di riflessioni anche fuori Italia.

Senza motivazioni penali ma solo per propaganda politica si stanno creando dei pregiudizi che minano la libertà di scegliere a quale associazione aderire.

Il presidente Miccicchè da politico navigato pesa le parole nei confronti dei massoni:”Siete i benvenuti a Palazzo dei Normanni . Non sono massone e nessuno della mia famiglia lo è, ma sono un liberale vero e considero la nostra legge sulla Massoneria una legge inutile. “

” Un convegno, aperto dall’Inno di Mameli, che si è tenuto  il 9 gennaio nella Sala Mattarella della sede dell’Ars alla presenza del Gran Maestro Stefano Bisi che ha chiuso i lavori ai quali hanno portato i contributi il presidente del Collegio Circoscrizionale della Sicilia Antonino Recca, l’avvocato Andrea Pruiti Ciarello e gli onorevoli Eleonora Lo Curto e Antonio Catafalmo, i due deputati, rispettivamente dell’Udc  e di Fratelli d’Italia,  che  dopo aver avversato la legge in aula durante il dibattito, si sono dichiarati pronti a ricorrere  alla Consulta per incostituzionalità della norma, entrata in vigore il 4 ottobre scorso e che hanno definito subdola, liberticida e cattiva ( fonte Grande Oriente D’Italia)”

Una questione di principio non da poco, la libertà di associarsi e il riserbo sugli associati.

Dobbiamo ricordare la Costituzione? L’ Art. 17 dice che:” I cittadini hanno diritto di riunirsi pacificamente e senz’armi. ” e quindi chi vieta questo diritto fondamentale viola la Costituzione italiana, e quindi chi ha legiferato non ha tenuto in conto la madre dei principi, la legge delle leggi italiane.

Le riunioni sono segrete? Le riunioni dei partiti sono riservate agli iscritti e nei vertici ci sono i responsabili dei direttivi.

La Massoneria è diversa? C’è stato il caso della P2 è vero, ma se andiamo a ritroso quanti indagati ci sono nei partiti, nelle Istituzioni, nelle aziende, ecc. e quindi mettiamo fuori legge tutti?

La responsabilità è personale principio sacrosanto, mentre per la Massoneria sembra che sia collettiva, una forma di razzismo verso i massoni per cui ci vuole una legge ad hoc?

Tutto così segreto che i documenti sono online: Costituzione e regolamento

Statuto 

Chi si iscrive al Grande Oriente è soggetto a regole ferme e impegnative:

“II Massone è tenuto a rispettare scrupolosamente la Carta Costituzionale dello Stato nel quale risiede o che lo ospita e le leggi che ad essa di ispirino.”

Il rispetto della Costituzione a cui un’Istituzione come la Regione non può e non deve sottrarsi visto che le leggi non posso prescindere dalla Costituzione.

Una vicenda paradossale che seguiamo da tempo e che sarebbe opportuno cessasse per non creare precedenti pericolosi: chi può ergersi a giudice se non la Magistratura? E’ un’invasione di campo: la politica segua le sue logiche, la Magistratura interviene quando ci sono i presupposti e le motivazioni previste dalle leggi che non solo non solo violate dalla Massoneria ma anzi sono un presupposto importante per l’iscrizione al Grande Oriente.

“Il più nobile e grande dei piaceri che gli uomini possono avere al mondo è scoprire nuove verità; e il successivo è lo scuotersi di dosso vecchi pregiudizi.“ — Federico II di Prussia re di Prussia 1712 – 1786

Lascia un commento