Varese Press giornale online

gli altri siamo noi

Gallarate:Notte nazionale del Liceo classico

Dopo il grande
successo delle due edizioni del 2017 e 2018, l’11 gennaio il liceo “G.Pascoli” riapre le sue porte per il terzo
appuntamento con la Notte nazionale del
Liceo classico.
Un evento nell’evento, dal momento che la manifestazione si
svolgerà in rete e perciò in contemporanea con più di 400 licei italiani.

Il titolo della
serata è “Le percezioni sensoriali: profumi, suoni e colori, ma accanto a questo tema verranno proposti spettacoli,
esibizioni di canto danza, e musica, giochi e laboratori interattivi, che si
susseguiranno ininterrottamente dalle 20
alle 24

Quella di
quest’anno sarà una serata ancora più ricca di iniziative. Merito dell’impegno
di studenti e docenti del liceo classico e della collaborazione con diversi studenti
e docenti degli altri indirizzi presenti nel polo liceale. Non meno importante
il supporto dell’associazione Amici dei Licei e del Comitato genitori che già
lo scorso anno ha dato un grande contributo alla realizzazione dell’iniziativa.
Non mancheranno il coro e il gruppo teatrale del Liceo. Confermata poi, la
collaborazione con il Museo Archeologico degli Studi Patri di Gallarate
nell’ambito dell’attività di alternanza scuola-lavoro.

Quella dell’11
gennaio è una nuova occasione per dimostrare, ancora una volta, che il mondo
“classico”, sempre attuale e intramontabile, costituisce il nostro patrimonio
forse più prezioso, ispirando ancora oggi le forme più alte di arte, musica,
letteratura, ma anche la riflessione sui grandi temi esistenziali e sui problemi
della convivenza civile e della integrazione.

L’invito
è rivolto a tutti e, in particolare, ai ragazzi delle scuole secondarie di
primo grado, che si apprestano a scegliere il prossimo corso di studi, alle
loro famiglie e a tutti quelli che amano la cultura classica o che desiderano
conoscerla perché, come afferma Umberto Eco, “il liceo classico consente di
immaginare quello che non è stato ancora immaginato e questo distingue il
grande architetto dal palazzinaro”.

Lascia un commento