Varese Press giornale online

gli altri siamo noi

Maurizio Blondet intervistato da Giuseppe Criseo

 Le nostre domande

1) il caso Carige crea un precedente, e quindi messa sotto scacco la
prima banca anche le altre dovranno assoggettarsi?

Anche se la situazione scandalosa di  Carige è colpa dei governi 
precedenti, è chiaro  che il fatto che il governo “del cambiamento” a 
abbia consentito alla BCE quello che BErlino  non le concede per la 
Deutsche BAnk, molto più  pericolosa e “sistemica”  – cioè 
commissariarla, ficcare il naso nei suoi conti e nei suoi attivi è un 
precedente anche giuridico.  Sarà applicato prossimamente a Unicredit.   
La salverà mettendo le mani anche nei depositi? E’ quello cui la  UE 
vuole arrivare: l’Italia è il solo paese le cui famiglie hanno un monte 
enorme di risparmio privato,  e  la Germania ripete che noi italiani 
abbiamo un debito verso di lei di 481 miliardi (il famoso Target 2), che 
se usciamo dall’euro deve accettare come “perdita”- La realtà è che 
l’attuale governo  –   che è sempre più un governo grillino, che sta 
attuando i dementi programmi grillini di decrescita e assistenzialismo a 
  spese del Nord,   che non vuole uscire dall’euro ed appare oggi 
complice del Deep State eurocratico interno, CHE FA capo al  Quirinale, 
ma
+ anche a BAnkitalia, alla magistratura, persino al VAticano – si sta 
adeguando alla volontà del deep state che cerca  di tenerci in tutti i 
modi nell’euro –  mentre la GErmania sta mettendo in atto le misure per 
uscirne – dando la colpa poi all’Italia, e arraffando i nostri risparmi, 
  che secondo lei le sono dovuti (il TArget 2). Lo dico in modo rozzo, 
per farmi capire. Nonostante tutti gli sforzi di servire di Mattarella,  
l’Italia sarà cacciata fuori dall’euro, ma ripulita di centinaia di 
miliardi di risparmi privati, in modo che non possa più avvantaggiarsi 
della ritrovata competitività da svalutazione.

2) Come la politica di Salvini, cesserà l’invasione?

Salvini non mi pare all’altezza della situazione. E’ chiacchiere e 
distintivo, mi sembra. Attende le elezioni europee di maggio, dove 
secondo lui i sovranisti nei vari paesi avranno un gran successo. Io 
credo che  si illuda. E anche se fosse, perché  lo AfD per esempio 
dovrebbe   rinocoscere in lui un leader del sovranismo in Europa? Stiamo 
andando in una nuovo modo: deglobalizzato,dove ciascuno farà per sé. Il 
suo unico “successo” sta nell’aver bloccato l’invasione dal mare degli 
africani – ma è un successo temporaneo, già i grillini si ribellano, 
vogliono  essere accoglienti degli immigrati….e lui non ha alleati. 
Stiamo già per cedere alle due navi tedesche “umanitarie”; la prossima 
volta, qUELLE STESSE NAVI TORNANO CON 500 profughi, poi mille…fra  gli 
applausi del Vaticano, del PD Ed ora dei 5 Stelle. Salvini? Sconfitto e 
forse in galera (i “milioni della LEga”) o a piazzale Loret, come gli 
promnettono le sinistre “umanitarie”-.
3)Qualche suggerimento per uscire dalla crisi italiana, dove e come
investire?

ovviamente bisogna uscire dall’euro, svalutare, fare default magari: 
risparmiando gli 80 miliardi di euro di interessi che paghiamo.  I 
“mercati”  non ci presterebbero più denaro? Al contrario: passati i 
primi giorni d i bufera, farebbero la fila per indebitarci di nuovo, 
comprare i nostri BTP, perché saremmo ridivientati  solventi, e loro 
sono assetati di rendimenti…. il primo torme. Per questo però 
occorrono governanti di carattere, polso fermo  sul timone, e che 
dispongano – per esempio   dei media tv per spiegare alla popolazione 
che si deve stare peggio perpoi stre meglio, resistere qualche mese per 
conseguire poi la vittoria. Siamo in guerra con la UE  – abbiamo perso 
il 25% della nostra base industriale – ma la gente non lo sa,  perché 
non vede le macerie. L’Europa non ha bisogno di bombardarci, infatti. Ci 
vince cn le “direttive” UE, il fiscal compact,  e i suoi complici 
interni, che continuano ad avere il potere reale benché abbiano pesro le 
elezioni. Occorre capire anche questo: questa gente, i parassiti, i 
privilegiati d a 7 mila euro emnsili in sù sonoquelli che chiamo “i 
ricchi di Stato”  – non rinunceranno ai loro privilegi e denari per 
rispetto alla democrazia. Non siamo più in democrazia, ma in una 
oligarchia bancaria e in una forma di occupazione  straniera, gestita 
dai delegati e  fiduciari interni del nemico.
Investire in : oro fisico, e in  una campagna del Rosario per la 
Liberazione.

4)Come giudica la politica di Trump?

Trump è un elemento  di destabilizzazione del Sistema globale, e in 
questo è utile – ormai siamo al tanto peggio tanto meglio. Però è 
erratico, poco istruito, non studia i dossier, è superficiale….cavalca 
una economia americana che sta crescendo solo per un ultimo taglio di 
tasse ai ricchi e  ulteriore debnito,  ha mali profondissimi, dove ci 
sono ricchi che hanno 100 miliardi di dollari e gente attendata che fa 
la cacca per i marciapiedi
  di San Francisco….una situazione esplosiva, che io chiamo il 
capitalismo “terminale” come il cancro terminale. Lui certo non è 
all’altezza  intellettuale di una tale sfida. Non è nemmeno propriamente 
un protezionista; è un
n mercantilista che, da uomo d’affari più che da politico, cerca di 
strappare alla Cina, per  esempio,qualche acquisto di acciaio americano 
e di più granaglie,   di esportare qualche merce che interessa il suo 
elettorato operaio, minacciando dazi e ritorsioni…naturalmente non è 
una vera politica coerente.

5) l’Italia può uscire dall’euro?

Come ho detto: non solo l’Italia può uscire dall’euro (i metodi sono 
indicati da Nino Galloni ed altri, come Zibordi e lo stesso Savona); non 
solo “deve” uscire dall’euro. Finirà per essere comunque espulsa 
dall’euro, in catastrofe e  impreparata, dalla Germania  che invece sta 
preparando la cosa in tutti i particolari.  In questo, i compici interni 
della UE, che  si abbassano ad ogni servilismo perché Berlino e 
BRuxelles li tengano nell’euro, saranno sconfitti. Ma noi lo saremo di 
più.

La sua storia

“E’ stato inviato speciale de Il Giornale (di Montanelli) , in seguito di Avvenire – dove è stato inviato a coprire le guerre balcaniche ed altri teatri di conflitto.

Fin dagli anni ’90 ha cominciato ad indagare sui poteri oligarchici, finanziari e sovrannazionali, che agendo dietro le quinte della democrazia guidano la storia – e la politica presente, sia sul piano internazionale che interno.”,e autore del volume “Chi comanda in America” (Effedieffe) stila appunto la mappa di questo nuovo establishment, di cui lumeggia il carattere messianico, fanatico e irrazionalista. Un altro testo essenziale che illumina l’azione di questi poteri in Europa, fin dal ‘700, è “Cronache dell’Anticristo

sito personale, https://www.maurizioblondet.it/chi-e-maurizio-blondet/

Lascia un commento