lunedì 21 novembre alle 21.30 su Rai3 andrà in onda la nuova puntata di Report.

Gentili telespettatori, vi comunichiamo che
lunedì 21 novembre
alle 21.30 su Rai3 andrà in onda la nuova puntata di Report. Le inchieste di questa settimana:
“CAVIAR DEMOCRACY” di Paolo Mondani
collaborazione di Cataldo Ciccolella Giornalisti in prigione, una fortuna nascosta a Panama, repressione degli oppositori politici, guerra al confine, amichevoli rapporti con l’occidente. Questo il programma di governo del ...

Gentili telespettatori, vi comunichiamo che lunedì 21 novembre alle 21.30 su Rai3 andrà in onda la nuova puntata di Report. Le inchieste di questa settimana: “CAVIAR DEMOCRACY” di Paolo Mondani collaborazione di Cataldo Ciccolella Giornalisti in prigione, una fortuna nascosta a Panama, repressione degli oppositori politici, guerra al confine, amichevoli rapporti con l’occidente. Questo il programma di governo del presidente Aliyev alla guida dell’Azerbaigian, il paese del Caucaso ricco di idrocarburi e caviale. Un paese con cui l’Italia fa affari da anni – è la fonte primaria del petrolio che importiamo - e che ci venderà il gas per riscaldare le nostre case, in arrivo sulle coste pugliesi con il gasdotto TAP. Il Consiglio d’Europa è la storica organizzazione che promuove i valori democratici e i diritti umani. Alcuni politici azeri hanno capito quanto le istituzioni europee siano fragili ed è proprio qui che nasce la cosiddetta diplomazia del caviale. Secondo gli inquirenti milanesi il deputato italiano Luca Volonté avrebbe intascato una tangente di due milioni e trecentonovantamila euro per far bocciare un rapporto sui prigionieri politici sfavorevole al governo azero. Indipendentemente dall’esito delle indagini, emerge chiaramente che un piccolo petrol-stato viene accolto in Europa sperando che cambi in meglio, diventando più giusto e più libero, ma alla fine a cambiare è l’organizzazione europea che - preda delle lobby – diventa sempre meno credibile. Un gran brutto segno per la democrazia. “PRODOTTI… ATIPICI” di Emilio Casalini Il piacere dell'enogastronomia di qualità si paga caro perché si tratta di prodotti tipici, difficili da coltivare o allevare, frutto di tradizione e tanto lavoro. Come il pistacchio di Bronte, che cresce sulle rocce laviche dell'Etna, si raccoglie solo a mano ogni due anni ed è protetto da una DOP che lo rende prezioso e rinomato. Ne producono circa 1500 tonnellate. Ma nel mondo di pistacchio accostato al nome Bronte ne gira molto di più, perché? Poi c’è chi fa affari con il marchio Bazzone, il prelibato prosciutto proveniente dai maiali allevati in Garfagnana. Se ne allevano solo centoventi l’anno. Eppure il prosciutto si trova nei migliori ristoranti e macellerie d’Italia e perfino in Francia e Inghilterra. Per la rubrica “ONORE AL MERITO”: “L’AMMINISTRATORE DELEGATO” di Luca Chianca Dopo aver lavorato in una società controllata dal gruppo Fiat, Luigi Marroni diventa direttore generale dell'Asl 10 di Firenze e qualche anno dopo, nel 2012, assessore alla sanità toscana in quota Enrico Rossi, attuale presidente della Regione. Tuttavia nel 2015, con l'arrivo di Renzi al governo, Marroni viene nominato dal ministro dell’Economia amministratore delegato della Consip, la grande centrale d’acquisti della pubblica amministrazione attraverso la quale passano appalti per quaranta miliardi di euro l’anno. In base a quali criteri è stato scelto? Ricordiamo inoltre che oggi sabato 21 novembre alle 16.30 su Rai3 andrà in replica la puntata di lunedì scorso, con le inchieste  "La frazione di Prosecco" di Bernardo Iovene e " La via dei farmaci" di Luca Chianca, a seguire per la rubrica "Onore al merito": " I direttori generali", di Giulio Valesini       Video e trascrizioni delle inchieste saranno disponibili sul nostro sito www.report.rai.it pochi minuti dopo la fine della trasmissione. Potete seguirci su  www.facebook.com/reportrai3www.twitter.com/reportrai3 e telegram.me/reportrai3     Buona visione, La redazione