Sindacato Europeo L.:, infortuni in casa, obbligatorio pagare ma per cosa?

 Il caso della signora Anna. Infortuni in casa, obbligatorio pagare ma per cosa? Vediamo qual è la legge e cosa dice: La legge 493/1999 stabilisce che è obbligato ad assicurarsi contro gli infortuni in ambito domestico colui che: • ha un’età compresa tra i 18 e i 65 anni compiuti • svolge il lavoro per la cura dei componenti della famiglia e della casa • non è legato da vincoli di subordinazione • presta lavoro domestico in modo abituale ed esclusivo. Che ci sia un obbl...

 Il caso della signora Anna. Infortuni in casa, obbligatorio pagare ma per cosa? Vediamo qual è la legge e cosa dice: La legge 493/1999 stabilisce che è obbligato ad assicurarsi contro gli infortuni in ambito domestico colui che: • ha un’età compresa tra i 18 e i 65 anni compiuti • svolge il lavoro per la cura dei componenti della famiglia e della casa • non è legato da vincoli di subordinazione • presta lavoro domestico in modo abituale ed esclusivo. Che ci sia un obbligo da un certo punto di vista è anche opportuno, perché una casalinga deve avere tutele anche se non ha un datore di lavoro e magari non ha un marito con grandi entrate. La legge, poi, parla anche di altri casi : studenti, pensionati, lavoratori in mobilità e stranieri regolari disoccupati. L’idea è buona ma come al solito è di difficile applicazione per le certificazioni necessarie : un medico legale costa parecchio e se non si arriva al 27 % di inabilità è tutto perso? Il che vuol dire la tutela è limitata e questo uno stato serio non se lo può e se lo deve permettere. Se l’Italia vuole ed è giusto che sia così dare una tutela a tutti, deve creare le condizioni con semplicità e senza costi o quasi per chi voglia ed abbia il diritto di averla dopo avere pagato una polizza magari a costo politico ma comunque si tratta di un obbligo per milioni di persone. L’obbligo è solo pagare e ricevere no? Giuseppe Criseo Sindacato Europeo dei Lavoratori http://www.sindacatoeuropeolavoratori.it/