Varese Press giornale online

gli altri siamo noi

Gallarate: domani inaugurazione della vetrata a Palazzo Minoletti

Palazzo Minoletti

Sono passato 15 anni, ma in molti ancora si ricordano di Palazzo Minoletti illuminato da una vetrata coloratissima e unica nel suo genere. L’opera, tra le più apprezzate di Zat (Zone artistiche contemporanee), rassegna inserita nell’edizione del 2004 del Premio Arti visive, verrà riproposta dalla stessa artista (Enrica Borghi) e dallo stesso promotore (il museo Ma*Ga). 

L’inaugurazione, inserita tra gli eventi di Duemilalibri, è in programma venerdì 29 alle 11. 

“L’arte torna in città”, sottolinea l’assessore ai Musei Claudia Mazzetti, “e lo fa con un richiamo a un passato e a una manifestazione che i gallaratesi (e non solo loro) apprezzarono moltissimo. L’impatto sarà notevole, così come notevole è il lavoro che si cela dietro questa imponente installazione, interamente realizzata con materiali di scarto e di riciclo. Abbiamo valorizzato l’importanza della tutela ambientale, mostrando come da un rifiuto può nascere un’opera d’arte”. 

L’opera, conservata dal museo e interamente restaurata per l’occasione,   è composta da un tendaggio trasparente e colorato, che prende la forma di una enorme vetrata fatta con fondi di bottiglia (oltre 1.400 quelli utilizzati). Il materiale è la plastica, colorata, tagliata e intrecciata tramite  fascette anch’esse in plastica.

Da parte sua, l’assessore alla Cultura Massimo Palazzi evidenzia il grande lavoro di squadra con il quale si è arrivati alla realizzazione del progetto: “E’ stata una vera e propria azione collettiva, che ha visto coinvolti studenti e volontari del territorio. Una bellissima e proficua forma di collaborazione, che già in precedenza aveva portato risultati, sulla quale insisteremo”. Ed ecco l’elenco di chi ha collaborato, insieme alla artista, al museo e all’amministrazione comunale (assessorati ai Musei e alla Cultura): Lions Club Gallarate Seprio; Orsini Collezioni; gli studenti della Classe terze F2 del Liceo Artistico, Musicale e coreutico “Candiani – Bausch” di Busto Arsizio.

“Al Ma*Ga, all’artista Enrica Borghi e tutti coloro che hanno dato il loro apporto”, terminano gli assessori Mazzetti e Palazzi, “va il ringraziamento del sindaco e dell’amministrazione. E a tutti loro diamo l’arrivederci alla prossima installazione corale“.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento