Varese Press giornale online

gli altri siamo noi

Leva Civica Lombarda volontaria, Lombardia prima in Italia


Leva Civica Lombarda Volontaria, il Consiglio Regionale approva il progetto di legge
Corbetta e Monti (Lega): “Lombardia apripista a livello nazionale: esperienza di crescita per i giovani e ricadute positive per il territorio”
Milano, 15 ottobre– È stato approvato oggi in Consiglio Regionale il progetto di legge che istituisce la Leva Civica Lombarda. “Da oggi i nostri giovani avranno la grande opportunità di dedicarsi al proprio territorio, crescere e realizzare un’esperienza di vita portando allo stesso tempo benefici alla comunità in cui vivono” commentano i consiglieri regionali leghisti Emanuele Monti e Alessandro Corbetta, rispettivamente relatore e promotore del progetto di legge.
“L’approvazione di questo progetto di legge – Alessandro Corbetta, Consigliere regionale della Lega, promotore del progetto di legge – è una conquista importante anche perché va nella direzione di una maggiore Autonomia della nostra Regione, su una materia che ancora una volta ci vede apripista in tutto il Paese. Leghiamo inoltre il servizio di Leva Civica all’ all’appartenenza e alla cultura del territorio, aumentando così l’impegno dei ragazzi e la qualità dei risultati che possono essere raggiunti”.
“La nuova legge che abbiamo approvato – sottolinea Emanuele Monti (Lega), Presidente della III Commissione Sanità e Politiche Sociali di Regione Lombardia – aumenterà la forza del legame tra i giovani e il territorio, facendo loro apprendere il valore della comunità. Il progetto di legge è stato presentato dal gruppo della Lega e ridisegna in chiave autonomista l’attuale normativa, creando un servizio civile lombardo indipendente da quello nazionale. Importante l’emendamento votato sulla norma fiscale, che va ad accomunare questa legge regionale alla legge nazionale per l’esenzione fiscale. Un atto di elevata importanza, perché una legge regionale, assimilando la legge nazionale, va pertanto ad ampliare un’esenzione” puntualizza Monti.
“La legge – proseguono i due consiglieri – introduce infatti numerose novità rispetto alla situazione attuale, andando quindi a creare un servizio di leva regionale, indipendente da quello nazionale come l’aumento del compenso previsto per i giovani volontari, che passa da 433 a 500 euro al mese per un servizio di 25 ore settimanali. Il finanziamento previsto è di 1,4 milioni di euro all’anno, che potranno triplicare grazie alla possibilità di una loro integrazione con fondi nazionali ed europei. Si introduce poi la possibilità di una compartecipazione della spesa da parte dei Comuni o da Enti del Terzo Settore: questo farà in modo che ai progetti possano partecipare un numero più alto di volontari” spiegano i due esponenti della Lega.
Grande attenzione alla disabilità: “Una quota del finanziamento verrà destinata ai giovani diversamente abili o con particolari fragilità,in modo da farli partecipare all’esperienza della Leva Civica, dando quindi un segnale importante e concreto a favore dell’inclusività”.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento