Varese Press giornale online

gli altri siamo noi

Lo scandalo dei contatori d’acqua non sempre presenti

di Giuseppe Criseo

Sembra incredibile che nonostante il valore dell’acqua, ci siano ancora abitazioni senza contatori.

Alla fine al nord come al sud, si garantiscono i diritti dei residenti (voto) rispetto ai non residenti.

Il caso di Premia che cerca di ovviare con un contributo

Installare Conviene a chi abita salturiamente e potrebbe aderire peccato che il contributo sia solo per i residenti (l’interesse e’ solo e soltanto per quelli che votano a Premia come negli altri comuni).

Il caso che suggerisce alcune riflessioni non da poco e’ suggerito dalla news del comune di Premia che offre un contributo per l’installazione ( per massimo 5 mila euro), 100 euro anche se in rete si trovano contatori a metà prezzo, anche se non capisce come mai in passato non si sia preso analogo provvedimento forse perche’ era meglio far pagare 10-15 euro soltanto?

Quanto costa installare un contatore di ripartizione per il consumo dell’acqua? Nei palazzi ogni utente si deve dotare del contatore di ripartizione a proprie spese, tuttavia non si tratta di un costo molto elevato, un contatore dell’acqua è uno strumento semplice che va dai 20 ai 65 euro al massimo, come da semplice ricerca

Parliamo di Premia (VB), in cui l’acqua non e’ certo un problema, se non il costo dei controlli e della manutenzione degli impianti che ha spinto probabilmente, ad entrare nel gestore della zona Idrablu.

In alcuni siti e’ scritto chiaramente: Il contatore dell’acqua è obbligatorio per qualsiasi fornitura idrica però la situazione e’ in divenire.

In Lombardia a Sondrio esiste lo stesso problema, anche se la scadenza e’ il 31 dicembre del 2019, e dalla Provincia di Sondrio, si spiega che il contatore: «ha facilitato un uso più razionale e intelligente dell’acqua». L’hanno affermato ieri il presidente di Secam, Alfio Sciaresa, l’amministratore delegato, Gildo De Gianni, e la responsabile del servizio idrico integrato Brigitte Pellei .

Nel caso specifico si cerca di ovviare ed infatti c’e’ stato un aumento delle richieste ma potrebbero esserci circa 5000 abitazioni senza contatore ( uso saltuario?).

C’e’ pure un libro di Confabitare Associazione Proprietari Immobiliari sul tema

Mancanza di contatori, come ci si regola?

In Sicilia, GIRGENTI ACQUE: “CONTATORI, ISTALLAZIONE OBBLIGATORIA” e si ricorda la  Deliberazione dell’AEEGSI – Autorità per l’Energia Elettrica, il Gas e il Servizio Idrico – che impone ai gestori ulteriori e precisi adempimenti nell’ambito del servizio di misura e, in particolare, il prerequisito consistente nella installazione dei contatori presso l’intero parco utenze (cfr. Del. 917/2017/R/Idr del 27.12.2017).

Interventi del passato Acqua: 65 miliardi di euro di interventi per contrastare inquinamento e sprechi

Il costo e’ un altro parametro importante, il nostro posto e’ in Europa?

Secondo un dossier di Arera (Autorità del settore)” Il costo dell’acqua e, in media, fra i più bassi d’Europa, al di sotto di Spagna, Francia, Grecia, Germania, Gran Bretagna, Olanda e Ungheria. Secondo le stime, un metro cubo di acqua nel nostro Paese ha un costo medio di poco più di un euro2 , un valore più alto solo della Romania e molto più contenuto rispetto agli oltre 4 euro per metro cubo dei cittadini del Regno Unito, degli oltre tre euro di Francia, Grecia, Svizzera e Finlandia.”

La strada e’ lunga tanto che a un’intervista del sito https://formiche.net/2019/07/besseghini-arera/ a Bessenghini

presidente dell’Autorità per l’energia, le reti e l’ambiente (Arera) Stefano Besseghini

che ha parlato di “Una maggiore trasparenza rispetto all’attività che fanno gli operatori senza che vada disvelato chissà quale segreto”.

In conclusione l’acqua che arriva nei nostri rubinetti di casa e’ controllata e possiamo stare tranquilli ( sempre meglio di quella imbottigliata), ma ci sono ombre sui gestori dell’acqua e c’e’ molto da fare nella trasparenza delle tariffe sopratutto per i non residenti.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento