Varese Press giornale online

gli altri siamo noi

Ritrovato l’ ultra leggero scomparso

A bordo del velivolo ultraleggero Diamond DA20 partito da un aeroclub piemontese e diretto a villanova d’Albenga, precipitato il 6 agosto alle pendici del Monte Carmo c’erano, i corpi dei due piloti

Si tratta di Lorenzo Castaldi, 70 anni, e di Andrea Giussani, di 35 anni, originario di Ossona ma da anni trapiantato nelle zone attorno a Malpensa.

L’aereo di cui si erano perse le tracce intorno alle 16.30 era quasi intatto.

Un testimone roferi

Secondo quando riferito da un testimone, il mezzo era stato
visto in difficoltà in prossimità di Rio Freddo, verso la gola di rio
Siondo, zona impervia e difficoltosa. Sulle cause
dell’incidente è ancora mistero. L’Agenzia nazionale per la
sicurezza del volo ha aperto un’inchiesta e ha già effettuato
un sopralluogo operativo. Anche la procura di Savona ha
aperto un fascicolo.
Il recupero dei corpi
La svolta nelle ricerche è arrivata poco dopo l’una di notte,
quando un elicottero della Marina militare ha individuato il
punto esatto in cui l’ultraleggero è caduto. All’alba sono
scattate le operazioni di recupero. A dare l’allarme erano stati
i familiari del pilota e del passeggero, preoccupati perché da
ore non ricevono risposte al cellulare. Andrea Giussani lascia
la moglie e due figli. Dopo tre anni di lavoro in Agusta
Westland era passato in Neos. Lavorava in manutenzione,
ma aveva iniziato il percorso per ottenere i brevetti e
diventare pilota, il suo grande sogno

Please follow and like us:
error

Lascia un commento