Varese Press giornale online

gli altri siamo noi

Varese, Confesercenti, saldi, partenza sotto le attese

Come ricorda la sezione provinciale di Confesercenti, sabato 6 Luglio sono cominciati i saldi del periodo estivo anche nella nostra Provincia, come in tutta Regione Lombardia in ritardo rispetto ad altre Regioni italiane.

Ottimismo e buone aspettative di vendita permeavano il tessuto imprenditoriale relativo a tutti i settori merceologici, dall’abbigliamento all’ottica, dalla biancheria per la casa agli accessori per uomo e donna.

Per la maggior parte delle attività imprenditoriali della provincia di Varese, il risultato ha disatteso quanto previsto ed in modo piuttosto preoccupante.

I dati raccolti descrivono uno scenario in cui non solo è drasticamente diminuito il volume di vendite (si parla del 40% dalle prime stime) relativo a qualsiasi categoria di beni ma anche lo scontrino medio ha fortemente ridotto il suo importo.

Per quest’ultimo si tratta di una riduzione di addirittura il 50% (con uno scontrino medio dell’importo di circa € 120), soprattutto nel settore abbigliamento e calzature.

Ciò che emerge è un quadro sempre più nitido di un percorso che ha preso avvio già da qualche anno e la cui tendenza non sembra arrestarsi.

Spesso e volentieri, la colpa di tutto ciò è attribuita all’ e – commerce ed a portali come Amazon (che addirittura ha introdotto il format Amazon Prime), Zalando e Yoox dove è possibile trovare capi alla moda, a prezzi iper convenienti , con consegna rapida e diritto alla resa se non conformi o adatti all’outfit dell’utente.

Ci sono però ulteriori variabili ad incidere sul comportamento d’acquisto dei clienti.

L’avvento dei grandi mall come Arese, gli outlet a modi Vicolungo ed i centri commerciali urbani hanno inciso in modo gravoso sui risultati del piccolo commerciante a causa di proposte sempre più economicamente vantaggio se potendo contare su economie di scala date da grandi quantità produttive.

Per competere con queste realtà e continuare ad alzare la saracinesca, l’imprenditore del tessuto urbano non ha potuto che trovare nuovi meccanismi come le vendite definibili “private”, ovvero quelle riservate le settimane precedenti ai saldi ad una particolare schiera di clienti: i fidelizzati.

Tali scontistiche, in verità, vengono poi applicate anche a nuovi utenti che, su suggerimento o attraverso clienti consolidati del negozio, decidono di fare acquisti in tale sede usufruendo di tariffe inferiori al prezzo esposto.

Il risultato è una netta diminuzione della disponibilità economica per acquisti durante i saldi ed una percezione negativa del risultato raggiunto durante queste set timane.

Occorre sottolineare un altro aspetto. Si tratta dell’impoverimento del bel fil rouge storico tra negoziante e cliente, quel rapporto di conoscenza, fiducia e stima reciproca che portava le persone a recarsi laddove non solo fosse certo di trovare merce di qualità e di suo gradimento ma anche umanità ed affidabilità.

Ora tutto questo manca: gli acquisti si effettuano sempre più velocemente, in base alle esigenze specifiche ed alla convenienza con un rapporto qualità – prezzo che spesso è medio basso, a causa di outlet e catene sempre troppo competitivi.

Non ci si reca più in negozio con l’idea di una “sacralità dell’acquisto in saldo ” come avveniva sino a una decina di anni fa quando addirittura c’erano le code fuori dai negozi in attesa della loro a pertura al primo giorno di saldi.

Davanti a questo panorama, si prospetta urgente la necessità di apportare delle novità non solo in ambito sconti e saldi ma quanto nella costruzione e diffusione di un nuovo concetto di acquisto tra i consumatori .

Please follow and like us:
error

Lascia un commento