Varese Press giornale online

gli altri siamo noi

Auto italiane superiori alle tedesche

Di Stahlkocher – Opera propria, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=2478898

Abbiamo analizzato 100.000 veicoli e tracciato la nazionalità della marca.

Abbiamo preso i dati italiani come punto di riferimento e paragonato le auto francesi, tedesche e giapponesi rispetto ai dati nostrani. I risultati?

·         Le auto italiane presentano 48 danni ogni 100.000 veicoli

·         Le tedesche presentano 53 danni, l’11% in più.

·         Tra Italia, Giappone, Francia e Germania, le auto tedesche sono le meno affidabili.

Francesi e giapponesi invece sono entrambe meglio delle altre due concorrenti.

·         Le auto francesi hanno 25 danni per 100.000 veicoli

·         Le giapponesi solo 17, mettendole al primo posto nella classifica delle auto con meno difetti.

Le parti difettose delle altre auto vengono dalla Germania

Ci siamo chiesti allora da dove venissero le parti più difettose. Abbiamo analizzato da dove venissero le parti che più spesso si guastavano per varie marche e anche per questa analisi i risultati sono stati consistenti con quella precedente.

·         Il 75% delle parti meccaniche o elettriche aggiustate da ECU testing vengono dalla Germania.

·         Si posiziona terzo il Giappone con l’8% di parti danneggiate.

·         Vince la Francia, con solo il 2% di parti difettose.

Alfa Romeo più affidabile di cinque famose marche tedesche

Su 100.000 veicoli le Alfa Romeo si dimostrano vincitrici su marche tedesche come Volkswagen, Opel, Audi, BMW e Mercedes. Le Alfa infatti hanno presentato solo 29 danni contro un più preoccupante 64 delle Mercedes.

Non eccelle invece la Fiat, che si posizione all’ultimo posto in classifica. Curioso però che riporti soltanto due guasti in più rispetto alla Mercedes.

Le auto più affidabili da comprare? Toyota, con solo 5 errori per 100.000 veicoli, Renault con 16 e Honda con 20.

report completo su Ecotesting

Please follow and like us:
error

Lascia un commento