Varese Press giornale online

gli altri siamo noi

Treni, alte temperature e mancanza di comunicazione

di Giuseppe Criseo

incontro Regione, Trenord e Sindacati

riceviamo e pubblichiamo

Egregio Dr. Piuri,
Innanzitutto apprezziamo di averci messo la faccia, ma non basta.
Non basta perché nella Sua lettera si parla della settimana dal 24 al 28 giugno ma i disagi e i disservizi sono continuati e continuano tuttora.
Lei parla di caldo eccezionale ma il mese di giugno (tutto) ha fatto registrare a Milano una temperatura media di 26,2°C; l’anno scorso, l’ultima settimana di luglio, sempre a Milano, ha fatto registrare una temperatura media di 26,3°C. Oramai periodi con temperature di questo tipo sono all’ordine del giorno in estate e pertanto non possiamo certo farci trovare impreparati, dal momento che l’estate è solo all’inizio.
Prova del fatto che non si sia fatta una adeguata e puntuale manutenzione sta proprio nelle comunicazioni comparse sull’app, a partire dal 1° luglio, in cui si annunciano cancellazioni per interventi di manutenzione straordinaria delle carrozze dotate dei sistemi di condizionamento più vetusti.
Siamo tutti convinti che Trenord non sia più quella che era fino al 2018 ma proprio perché siamo convinti di questo, non possiamo accettare che le apparecchiature di climatizzazione delle nostre vetture vadano in blocco quando la temperatura esterna supera i 35 gradi.
Precisiamo che non sono mancati blocchi o allagamenti anche su materiali con cinque anni di servizio alle spalle…..

La lettera è lunga e descrive la sequenza di disservizi e mancanza di comunicazione sulle alternative e le opzioni a disposizione dei pendolari.

La riposta della politica regionale è stata la seguente:

“Ho chiesto a Trenord di intervenire per tutelare i pendolari. Le temperature di questi giorni sono inusuali, ma la società deve mettere in campo ogni azione possibile per limitare i disagi.

I disservizi vanno assolutamente contenuti e Trenord deve fare uno sforzo supplementare in questa direzione”, ha detto l’assessore alle Infrastrutture Claudia Maria Terzi.

Please follow and like us:

Lascia un commento