Varese Press giornale online

gli altri siamo noi

Varese, arresti domiciliari dopo la rapina aggravata alla Sala Slot Diamond

La Polizia di Stato ha eseguito la misura degli arresti domiciliari a carico del responsabile della rapina avvenuta il 17 maggio scorso in danno della Sala Slot situata nella centrale di via San Michele a Varese, un cittadino italiano di 33 anni.

arrestato dopo aver tentato di investire il nuovo compagno della sua ex
arrestato dopo aver tentato di investire il nuovo compagno della sua ex

Le serrate indagini dei poliziotti della Questura di Varese, coordinate dalla Procura della Repubblica di Varese nella persona della dott.ssa Recanello, sono partite immediatamente anche in considerazione della particolare aggressività manifestata dal rapinatore che per farsi consegnare il denaro non ha esitato a colpire violentemente la donna con un calcio e un pugno, fino a ferirla alle mani con una lama affilata.

Gli uomini dell’Antirapina della Squadra Mobile hanno scandagliato ogni particolare a partire dalle immagini del sistema di videosorveglianza della sala slot, riuscendo a identificare il responsabile per il cittadino italiano arrestato l’altra mattina, persona già conosciuta per analoghi reati, a carico del quale sono sati acquisiti numerosi e univoci elementi a suo carico, come il sopralluogo che lo stesso ha fatto poco prima di consumare la rapina per assicurarsi che all’interno non ci fosse nessuno.

Ulteriore e definitiva conferma si è avuta grazie alla Polizia Scientifica di Varese che durante il sopralluogo è riuscita a rilevare l’impronta digitale del rapinatore che è stata confrontata con successo con quella dell’indagato che a questo punto è stato inchiodato alle sue responsabilità.

Al termine delle indagini, concluse in brevissimo tempo, il G.I.P. del Tribunale di Varese, concordando con le valutazioni della Procura della Repubblica, ha ritenuto sufficienti gli elementi acquisiti per l’emissione della misura cautelare a carico dell’uomo identificato disponendo gli arresti domiciliari nella sua abitazione sita in provincia di Milano ma a ridosso con quella di Varese.

Una risposta pronta a un fatto di cronaca che testimonia come l’impegno della Polizia di Stato nella repressione dei reati sia complementare a quello delle attività di controllo del territorio nel centro cittadino poste in essere con continuità dalla Questura.

Please follow and like us:

Lascia un commento