Varese Press giornale online

gli altri siamo noi

Stadio e Varesello, via al bando per concederne la gestione.

Stadio e Varesello, via al bando per concederne la gestione

Previsti sulle due strutture interventi di manutenzione per un milione di euro. La durata della concessione sarà di 18 anni

Obiettivo dare nuova vita allo stadio “Franco Ossola” e al centro sportivo “Varesello”, come è comunemente noto l’impianto di via Majano. Due strutture il cui futuro è unito da un unico bando, pubblicato oggi dal Comune di Varese. Il nuovo gestore sarà chiamato a un duplice impegno, “perché – spiega l’amministrazione di Palazzo Estense – riteniamo queste due realtà inscindibili; da esse, poi, passa anche il rilancio della nostra squadra cittadina”. Il bando, che resterà aperto un mese per la prima dichiarazione di interesse, prevede una concessione di 18 anni e ha al suo interno anche l’impegno del futuro gestore a eseguire interventi di manutenzione sui due impianti per un valore di poco superiore al milione di euro.

“Questi lavori – afferma l’assessore allo Sport Dino De Simone – miglioreranno le funzionalità dei nostri impianti cittadini. Crediamo molto nel loro rilancio e, nelle prossime settimane, presenteremo i dettagli del bando anche in un incontro pubblico”.

“Un primo elemento di interesse – aggiunge il sindaco Davide Galimberti – è senz’altro quello di considerare le due strutture nel loro insieme, quasi fossero un’unica realtà: questa infatti è la nostra visione, che unisce in un solo progetto da un lato lo stadio e dall’altra i campi utilizzati da quei giovani che al ‘Franco Ossola’ ambiscono di giocare in futuro”.

La durata della concessione, che scadrà nel 2037, è legata alla volontà di dare stabilità alla futura gestione, alla quale viene richiesto, come detto, un impegno economico per gli interventi di manutenzione. Nel dettaglio lo stadio – tra opere edili, impianti meccanici ed elettrici e presidi antincendio – necessita di investimenti pari a 617.480 euro, mentre per il centro sportivo “Varesello” ne servono 416.500. Il totale supera quindi di poco il milione di euro e, per l’esattezza, si ferma a quota 1.033.980 euro.

Altro aspetto da tenere in considerazione è quello legato alle opportunità commerciali: al concessionario, infatti, è riconosciuta la facoltà di avviare all’interno degli spazi negozi di vicinato, bar e punti ristoro in conformità alle previsioni del Piano di governo del territorio, gestendoli in proprio o per il tramite di operatori professionalmente titolati. È compito del gestore procedere, se necessario, all’adeguamento dei locali a ciò destinati e delle relative attrezzature, previa comunicazione al Comune. Una novità che potrebbe aggiungere ulteriore valore allo stadio varesino.

Please follow and like us:

Lascia un commento