Varese Press giornale online

gli altri siamo noi

Castellanza, Teatro della Corte, appuntamento per mercoledì sera

Per la consueta Rassegna dei Saggi di fine Laboratorio, il sipario del Teatro della Corte di via Ticino 10 si è aperto giovedì 9 maggio, con il divertente spettacolo Cyrano dacci una mano, che ha visto l’affluire di un folto pubblico ad applaudire i ragazzi sul palco, contribuendo così all’attività dell’Associazione Amici Team Down di Castellanza, alla quale sono stati devoluti gli incassi della serata.

Il prossimo appuntamento è per mercoledì 12 giugno alle 21. Sul palco, gli adulti del Secondo Anno di Laboratorio, con la ‘spiritosa’ commedia ‘L’eredità dei Lauri’, di Mimmo Titubante, in cui si ride e si riflette tra fantasmi, testamenti, imbrogli e colpi di scena.

Questa la trama: la famiglia dei Lauri, perita al completo in un incidente aereo, è costretta a vagare sotto forma di fantasmi nella sua villa, che è ora di proprietà del Comune.

Il Sindaco del paese e sua figlia Giulia desiderano che la villa dei Lauri, con il parco e la preziosa biblioteca, divengano un centro culturale.

Ma devono fare i conti con Bruno Milani, un ricco imprenditore senza scrupoli, che, corrompendo la maggioranza del consiglio comunale, riesce a far approvare il suo progetto, che prevede l’abbattimento della proprietà e il passaggio attraverso il parco di un’autostrada con annesso centro commerciale.

I fantasmi non stanno certo a guardare! Con vari stratagemmi e con l’aiuto inconsapevole del Sindaco e della figlia, cercheranno di ostacolare in tutti i modi i disonesti progetti del Dottor Milani, dando il via ad una serie di situazioni divertenti e colpi di scena spassosi e anche romantici.

Come andrà a finire? Vincerà la natura o il cemento? Gli spettacoli sono riservati ai soci del Teatro della Corte, ma tesserarsi è molto semplice. Basta contattare per tempo il Teatro al 3349131397 o via mail [email protected] , compilare il modulo con i propri dati e si riceve la tessera annuale.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento