Varese Press giornale online

gli altri siamo noi

Ecofin preme per continuare le riforme strutturali

Nel documento Ecofin viene indicato che “gli alti livelli di debito riducono lo spazio per assorbire futuri choc economici negativi”. I ministri si dichiarano “d’accordo con la visione della Commissione europea che in tre Stati membri e cioè Cipro, Grecia e Italia, esistono squilibri eccessivi” e ribadiscono che la procedura per squilibri macroeconomici “deve essere usata appieno e in modo trasparente e coerente” attivandola se appropriato.

Lo squilibrio più grave di cui soffre l’Italia è il debito pubblico in rapporto al pil. “Se la Commissione ritiene che uno Stato membro presenti squilibri macroeconomici eccessivi ma non proponga di aprire una procedura – è scritto nel documento Ecofin – deve spiegarne chiaramente e pubblicamente le ragioni”. Inoltre, l’Ecofin indica che “le politiche di bilancio devono rispettare pienamente il patto di stabilità… tenendo conto delle necessità di stabilizzazione e delle preoccupazioni sulla sostenibilità”.

La questione degli squilibri macroeconomici non riguarda solo l’Italia, ma quelli italiani, così come quelli greci e ciprioti, sono considerati “eccessivi”, cioè più gravi di quelli che esistono in altri Paesi. In altri Stati, e cioè Bulgaria, Croazia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Olanda, Portogallo, Romania, Spagna e Svezia, ci sono squilibri di varia natura e livello di gravità. Finora la procedura per squilibrio macroeconomico, che implica un certo grado di condizionamento della politica economica e di bilancio di un governo, non è mai stata aperta contro nessuno Stato ed è assai improbabile venga aperta prossimamente. La questione degli squilibri riguarda anche la Germania in riferimento all’enorme surplus di parte corrente accumulato nel tempo e non ‘speso’ a sostegno della crescita interna, che costituisce uno dei fattori di freno dell’economia Eurozona. Nel documento Ecofin si nota che ci sono Stati (come la Germania appunto) “che evidenziano ampi surplus di parte corrente che persistono con segni di riduzione solo modesti”.

Tali Stati “devono rafforzare le condizioni per promuovere l’aumento dei salari, rispettando il ruolo dei partner sociali, e continuare ad attuare misure per incoraggiare gli investimenti, sostenere la domanda interna e la crescita potenziale”. Cioè assumersi l’onere di stimolare la crescita continentale.

Le valutazioni dell’Ecofin, che non includono il giudizio specifico sulle politiche future dei governi, si intrecciano alle valutazioni sulle politiche di bilancio e di riforma economica degli Stati membri che la Commissione europea dovrà rendere note il 5 giugno. Non è chiaro se sul caso dell’Italia Bruxelles presenterà richieste puntuali di correzioni di bilancio o addirittura la proposta di aprire una procedura per non aver ridotto il debito l’anno scorso.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento