Varese Press giornale online

gli altri siamo noi

SALVINI CONTRO LA DROGA, DISPOSIZIONI SULLA CANAPA COMMERCIALIZZATA.

di Giuseppe Criseo

L’esplosione dei negozi che commercializzano canapa nel mirino del Ministro dell’Interno Salvini, che ha scritto ai prefetti e al Capo della Polizia, protocollo

N. 11013/110 (4) Uff. II – Ord. e Sic. Pub.

L’oggetto del documento protocollato è esplicito:” Commercializzazione di canapa e normativa sugli stupefacenti. Indirizzi operativi. “

Salvini fa riferimento alla legge 2 dicembre 2016, n.242 che si occupava della canapa con limiti precisi: “quale coltura in grado di contribuire alla riduzione dell’impatto ambientale in agricoltura, alla riduzione del consumo dei suoli e della desertificazione e alla perdita di biodiversità, nonché come coltura da impiegare quale sostituto di colture eccedentarie e come coltura da rotazione”.

Nel tempo però, ci è accorti che si stanno vendendo prodotti con una (piccola) percentuale di infiorescenze per il consumo personale, anche se “

lo stesso Consiglio Superiore di Sanità ha sottolineato che l’impiego di simili preparati, erroneamente percepito come “legale” e quindi sicuro dal punto di vista della salute, rischia di tradursi in un danno anche grave per se stessi e per gli altri – basti pensare agli effetti per chi guida in stato di alterazione o alle donne in gravidanza o allattamento -raccomandando l’adozione di misure per vietare la libera vendita di tali prodotti.”

In questa direzione si è conseguentemente orientata l’attività operativa delle Forze dell’ordine che negli ultimi mesi hanno avviato significative iniziative di prevenzione.

In effetti si è assistito di recente, ad una serie di controlli sui negozi sorti in gran quantità, per verificare i prodotti in vendita, controllandone le etichette.

Si procederà ed è questo l’intento della missiva protocollata,

di un’approfondita analisi del fenomeno, che tenga conto di tutti i fattori di rischio.

In quella sede, dovrà essere innanzitutto disposta una puntuale ricognizione di tutti gli esercizi e le rivendite presenti sul territorio, in condivisione con le Amministrazioni comunali ed attraverso il concorso dei rispettivi Comandi di Polizia locale e degli Sportelli deputati al rilascio delle necessarie autorizzazioni amministrative.

Si entra pure nel dettaglio della tipologia di controlli:”verifica del possesso delle certificazioni su igiene, agibilità, impiantistica, urbanistica e sicurezza, richieste dalla legge per poter operare”.

I controlli dovranno essere pure sulla “

localizzazione degli esercizi, con riferimento alla presenza nelle vicinanze di luoghi sensibili quanto al rischio di consumo delle sostanze, come le scuole, gli ospedali, i centri sportivi, i parchi giochi, e, più in generale, i luoghi affollati e di maggiore aggregazione, soprattutto giovanile “.

Si aggiungono pure oltre alle osservazioni, anche le analisi dei prodotti e si prevede una distanza minima di 500 m. dai luoghi considerati a rischio.

La firma del documento è del Capo di Gabinetto Matteo Piantedosi ma non ci vuole molta fantasia a capire che l’input è di tipo politico oltre che per questioni di salute e sicurezza.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento