Varese Press giornale online

gli altri siamo noi

Mattarella alle toghe: attenti ai social

Mattarella alle toghe: attenti ai social
Mattarella alle toghe: attenti ai social

E’ forte il monito del Presidente Mattarella all’inaugurazione dell’anno formativo 2019 della Scuola superiore di Magistratura: le decisioni dei magistrati “non devono rispondere all’opinione corrente o a correnti di opinione, ma solo alla legge”

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella all’inaugurazione dell’anno formativo 2019 della Scuola superiore di Magistratura a Castelpulci ha detto che “anche per questo in Italia la magistratura non è composta da giudici e pubblici ministeri elettivi e neppure da giudici e PM con l’obiettivo di essere eletti” .

“La magistratura -ha proseguito il Presidente- non deve mai farsi suggestionare dalla passione che può derivare dal clamore mediatico” e dalla “spinta emotiva di un presunto sentimento popolare”

La formazione professionale dei magistrati “non può prescindere da un profondo rispetto della deontologia professionale e da sobrietà nei comportamenti” perché è proprio questo che distingue il buon magistrato.

“L’uso dei social media da parte dei magistrati: se non amministrati con riserbo e discrezione possono vulnerare il riserbo dell’azione giudiziaria e offuscare la credibilità e il prestigio della funzione giudiziaria” ha concluso Mattarella.

Il Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede ha condiviso le parole del Presidente che “come al solito invita i magistrati a svolgere il loro ruolo, che è fondamentale non solo per la giustizia ma per la nostra democrazia, con la giusta sobrietà e il giusto equilibrio”

Please follow and like us:
error

Lascia un commento