Varese Press giornale online

gli altri siamo noi

Pubblicato il: 6 Aprile 2019 alle 6:16

ATS Insubria, Corso di formazione specifica in Medicina Generale

Prenderà avvio lunedì 8 aprile il corso di formazione specifica in Medicina Generale proposto da ATS Insubria.

Ospiterà 60 dei 388 nuovi tirocinanti individuati da Regione Lombardia per gli anni 2018/2021, con un incremento di 252 unità rispetto al triennio precedente.

L’iniziativa si propone di dare una risposta alla crescente domanda di figure mediche e di valorizzare il ruolo dei MMG all’interno del sistema, garantendo un’offerta formativa più ampia e più aderente ai modelli organizzativi lombardi, con particolare riferimento alla presa in carico dei pazienti cronici.

Con la nuova organizzazione disposta da Regione Lombardia, per la prima volta, ATS Insubria assume il ruolo di Polo Formativo, con compiti organizzativi.

I tirocinanti saranno ospitati nei tre punti erogativi che, nel caso di ATS Insubria, sono stati individuati nelle ASST presenti nel territorio di competenza: ASST Lariana con sede a Como, ASST Sette Laghi con sede a Varese e ASST Valle Olona con sede a Busto Arsizio.

Il corso prevede 4.800 ore suddivise in tre annualità e alternerà formazione clinica ospedaliera (reparto e ambulatori specialistici) ad attività territoriali presso i servizi sociosanitari e gli studi medici di assistenza primaria, a conferma della volontà di favorire una maggior integrazione tra servizi sanitari e sociosanitari.

L’appuntamento per la presentazione è lunedì 8 aprile alle ore 9.00 presso l’Aula Magna dell’Università degli Studi dell’Insubria a Varese, in Via Dunant 3.

Aprirà i lavori il Direttore Generale di ATS Insubria, dott. Lucas Maria Gutierrez. Seguiranno gli interventi del Presidente dell’Ordine dei Medici e Chirurgi ed Odontoiatri della Provincia di Como dott. Gianluigi Spata, e di Varese dott. Roberto Stella, del Direttore di Dipartimento delle Cure Primarie e del Dirigente Responsabile della Formazione di ATS Insubria, rispettivamente dott.ssa Maria Cristina della Rosa e dott.ssa Claudia Nicora. 

Please follow and like us:

Lascia un commento