Varese Press giornale online

gli altri siamo noi

Pubblicato il: 24 Marzo 2019 alle 19:12

Samarate, Alessandra #Cariglino Sindaco di Samarate

La strada della libertà.

Mentre alle nostre latitudini della provincia di Varese inizia la sfida elettorale per le amministrative – giovedì 28 marzo a Cascina Elisa di #Samarate assisteremo alla presentazione di una candidatura che ci rende molto orgogliosi, quella di Alessandra #Cariglino Sindaco di Samarate – a Roma l’andamento agitato e incerto del governo gialloverde ci offre quotidiani motivi di preoccupazione per il futuro del nostro Paese. La vicenda del “Memorandum of Understanding” con la #Cina, siglato da #Conte e #DiMaio con la fretta e la superficialità di chi ha bisogno di apparire ad ogni costo (come già per la sceneggiata della presentazione del Reddito di Cittadinanza), non ci lascia tranquilli: irritare gli Stati Uniti, nostro alleato storico, e bypassare l’Unione Europea, che ormai è la nostra “casa” politica (a meno che qualche cattivo maestro voglia ignorare il caos della Brexit e accarezzi ancora l’idea di uscire dall’Europa), per ricevere 7 miliardi dalla Cina non mi sembra un grande affare. Soprattutto se a #siglarloè lo stesso governo che è pronto a buttare a mare i miliardi che l’Europa, senza niente in cambio, ci offre per realizzare la #TAV
Nell’ambito del #Centrodestra, gli amici leghisti possono pure ripetere, anche per autoconvincimento, che “per fortuna c’è la Lega” a contenere i danni del Movimento Cinque Stelle, ma i rospi che devono ingoiare per stare al governo prima o poi diventeranno indigesti, perché la realtà si impone sempre sul tatticismo e sull’ideologia.
Meno noto ai più, ma altrettanto pericoloso, è poi il famigerato Disegno di Legge #Pillonsul diritto di famiglia, che domani alle 18.30 ai Molini Marzoli a #BustoArsizio sarà oggetto di un approfondimento in un convegno (organizzato dal commissario cittadino azzurro Carmine Gorrasi) che vedrà la presenza di un’ospite speciale, l’avvocato Annamaria Bernardini #DePace, tra i maggiori esperti in Italia di diritto di famiglia, oltre che di due combattive donne di #ForzaItalia, la nostra europarlamentare Lara Comi e la consigliere regionale Simona #Tironi
Il DDL Pillon è una #legge che rischia di riportare indietro di 40 anni le conquiste civili delle donne e che rischia di trasformare la separazione e l’affido in un campo di battaglia permanente, con la pretesa di una divisione in parti uguali dei figli tra i genitori separati, come se fossero un pacco postale che va avanti e indietro. Una legge che Linda Laura Sabbadini, già responsabile del Dipartimento per le Statistiche Sociali e Ambientali dell’Istat, ha definito “una #crociata contro le donne, che limiterà la possibilità di denuncia e dunque di separazione” specie per le donne (37%) che hanno subito violenza dal partner e avranno più paura a esporsi, per non perdere i figli. Ma che è stata messa all’indice persino dall’Onu. 
Dalla Cina alla famiglia, la morale della favola è sempre la stessa: urge il ritorno della buona politica e del dibattito sui contenuti, prima che arrivino i Di Maio e i Pillon di turno ad imporre qualsiasi boiata con la forza dei numeri e dei contratti di governo blindati. 
Agorà Liberi e Forti non ha intenzione di cedere su questo punto: la discussione e l’approfondimento per noi sono sacri, e non ci arrenderemo all’antipolitica virtuale, che con l’insulto e il fango cerca di cancellare ogni ipotesi di dialogo, fieri di essere concreti e di non tradire mai chi ci accompagna, e felici di vedere chi ritiene di lasciarci dopo aver usato l’autobus di Agorà, senza pagare il biglietto 😜, riuscendo finanche ad augurargli buona sorte. Confidiamo nella speranza della consapevolezza di non essere dei panda della politica, quelli li lasciamo alla Cina che tanto piace a Di Maio….Buona domenica a tutti!

Lascia un commento