Varese Press giornale online

gli altri siamo noi

Sesto Calende, Tetsuro Shimizu, ricerca pittorica

Dal 31 marzo lʼimportante ricerca pittorica di Shimizu dialogherà con lo spazio Cesare da Sesto offrendo al pubblico nuove prospettive di indagine e riflessione, questa volta sul colore.

Nelle lingue indoeuropee il significato del vocabolo colore si definisce per antitesi: la radice, che accomuna il sanscrito kala al greco kelainòs, esprime oscurità. Il latino color è ciò che cela lʼessenza di una cosa, mentre clara è qualità propria della luce solare, che abbagliando nasconde.

Il colore è dunque ciò che macchiando cela. Inizia celando una frazione dello spazio, la superficie pittorica, ma nella ricerca e nellʼopera di Shimizu va subito oltre per trasbordare dai limiti della forma e manifestarsi in maniera più libera, anche se mai compiuta, anzi in continua evoluzione.

Nelle opere presentate il colore si propone come entità non vincolata da costrizioni formali, e viene indagato non come realtà permanente, ma come testimonianza-evocazione di ciò che per mezzo suo è stato percepi­to. Attraverso il colore dunque si avverte il senso di una presenza, generata dallʼassenza di ciò che è stato: oggetto, pensiero, persona, emozione, e che adesso non è più; la natura ci insegna che anche il colore, come ente, scomparirà, diverrà non-presenza e quindi vuoto.

Sulla tela il flusso del colore è così dirompente che chi lo osserva ne viene attraversato. In queste opere Shimizu è dentro la materia pittorica tanto da sembrare che lui stesso sia il colore, e che si stenda sulla tela con tutto il suo corpo, le sue vene, le sue ossa, le sue viscere.

Così si viene a creare lʼesigenza di abbattere lo spazio pittorico canonico: mediante un lavoro di alta capacità tecnica, lʼautore asseconda quest’esigenza tagliando il telaio, torcendolo, ricoprendolo accuratamente con il supporto della materia pittorica e rendendolo parte, a sua volta, del campo dellʼopera.

Questa operazione di abbattimento degli obblighi imposti dalla coercizione a operare solo allʼinterno di superfici geometriche regolari coincide con lʼelargizione di spazi diversi al fluire esatto, ma irrazionale, della materia e, nel contempo, con la disponibilità di un ulteriore mezzo per travalicare i limiti della forma.

È anche altro, ma soprattutto è questo lʼopera di Shimizu nel periodo attuale.

Biografia/Biography

Tetsuro Shimizu

Tetsuro Shimizu è nato a Tokyo (Giappone) nel 1958. Nel 1987 si trasferisce in Italia.

Vive e lavora a Milano.

Tetsuro Shimizu was born in Tokyo in 1958. He moved to Italy in 1987. Lives and works in Milan.

Principali mostre personali / Solo exhibition selected

2019

-Di Paolo Arte, Bologna, Equilibrio instabile, a cura di Bruna Giordano.

2018

-Galleria Antonio Battaglia,Spazio obliquo, a cura di Giuseppe Bonini

2016

 -Spazi espositivi R&P legal, Milano, Incompletezza, a cura di Simona Bartolena

 -Galleria Il Milione, Milano, Anelito, a cura di Claudio Cerritelli 

2014

Museo Enrico Butti, Viggiù (VA), Imperfezione, a cura di Ettore Cerini                                     

– Galleria Antica, Nagoya (Giappone), Imperfezione

2013

– Palazzo Libera, Villa Lagarina (TN), Im-permanenza Mujo, a cura di Matteo Galbiati e Federica Giobbe

– Centro Culturale Sergio Valmaggi, Sesto San Giovanni (MI), Im-permanenza Mujo, a cura di Matteo Galbiati

– Istituto Nazionale dei Tumori (MI), Immunità, a cura di Ugo Pastorino

2012

– Paraventi giapponesi-Galleria Nobili, Milano, Im-permanenza Mujo, a cura di Matteo Galbiati

– Centro Culturale di Arte Contemporanea Balestrini, Albissola Marina (SV), (R)esistenza, a cura di Riccardo Zelatore

2010

-Paraventi giapponesi-Galleria Nobili, Milano, Tetsuo Shimizu 

2009

– Galleria Gagliardi Arte Contemporanea, San Giminiano (SI), Tetsuro Shimizu

– Bice Tokio, Caretta Shiodome, Tokio, Tetsuro Shimizu

2006

– Galleria Cavenaghi Arte, Milano, Tetsuro Shimizu, a cura di Claudio Ceritelli e Alberto Veca

– Villa Pisani, Bagnolo di Lonigo (VI), Tetsuro Shimizu, a cura di Claudio Ceritelli e Alberto Veca

2005

– Galleria Morone, Milano, Tetsuro Shimizu, a cura di Claudio Ceritelli

– Bar Testa, Albissola Marina (SV), Tetsuro Shimizu, a cura di Riccardo Zelatore

2004

– Pinacoteca Comunale, Villa Soranzo, Varallo Pombia (NO), Tetsuro Shimizu, a cura di Caterina Corni

– Galleria Teardo, Pordenone, Tetsuro Shimizu, a cura di Caterina Corni

2002

– Galleria Morone 6, Milano, Tetsuro Shimizu, a cura di Flaminio Gualdoni

– Museo Comunale d’Arte Moderna e dell’Informazione, Senigallia (AN), Tetsuro Shimizu, a cura di Assessorato alla Cultura di Senigallia

2001

-Galleria Gagliardi Arte Contemporanea, San Gimignano (SI), Tetsuro Shimizu, a cura di Valerio Dehò

2000

– Galleria Morone 6, Milano, Tetsuro Shimizu, a cura di Alberto Fiz

1999

– Galleria Morone 6, Milano, Tetsuro Shimizu, a cura di Flaminio Gualdoni

– Consolato Generale del Giappone, Milano, Tetsuro Shimizu, a cura di Maria Pace Ottieni

– Galleria Gagliardi Arte Contemporanea, San Gimignano (SI), Tetsuro Shimizu

1998

– Galleria Gagliardi Arte Contemporanea, San Gimignano (SI), Tetsuro Shimizu

1997

– Consolato Generale degli Stati Uniti d’America, Milano, Tetsuro Shimizu, a cura di Itaru Ito

1996

– Bar Jamaica, Milano, Tetsuro Shimizu, a cura di Paolo Minoli

– Galleria Morone 6, Milano, Forza, Sinergia

1994- Galleria Ausstellungsraum Harry Zellweger, Basel (Svizzera), Tetsuro Shimizu

Principali mostre collettive / group exhibition selected

2018

-Paraventi giapponesi Galleria Nobili, Milano Kokin, libro d’artista, a cura di Matteo Galbiati

-Museo Civico Floriano Bodini, Gemonio (VA), Real Art, a cura di Franco Crugnola,

-Palazzo del Monferrato, Alessandria, Biennale di Alessandria omnia, Caos colore 2018,

a cura di Matteo Galbiati

2017

-Galleria Cart 70-10, Monza, Real Art, a cura di Franco Crugnola

-Palazzo del Monferrato, Alessandria, Eterna Stagione, a cura di Matteo Galbiati

2016

-Museo d’Annunzio Segreto, Vittoriale degli italiani, Gardone Riviera (BS), Eterne Stagioni, a cura di Matteo Galbiati,

2015

-Galleria Il Milione , Milano, Galleria Antonio Battaglia, Milano, Astrazione fluida, Italo Bressan, Gottardo Ortelli, Tetsuro Shimizu, a cura di Claudio Cerritelli

– Mutteo Butti, Viggiù (VA), Slittamenti del cuore, 9 artisti allievi di Gottardo Ortelli, a cura di Claudio Cerritelli

– Castello di Melegnano, Milano, Dedicata a Alberto Veca, a cura di Claudio Cerritelli e  Elisabetta Longari

2014

– Museo Minguzi , Milano, Dynamicmuseum, a cura di Stefano Iaccheo e Marco Teseo

2013

– Galleria Ghiggini, Varese, Da colore a colore, Italo Bressan, Claudio Olivieri, Gottardo Ortelli, Tetsuro Shimizu, a cura di Claudio Cerritelli

– Studio Luca G. Righini Arte contemporanea, Milano, Piccole misure

– Chiostri di San Domenico, Reggio Emilia, Novanta artisti per una bandiera, a cura di Sandro Parmiggiani

2012

– Palazzo del Podestá, Castell’Arquato (PC), Al principio del vedere, a cura di Ilaria Bignotti e Matteo Galbiati

– Paraventi giapponesi-Galleria Nobili, Milano, IKI, cura di Matteo Galbiati e Kevin Mcmanus

2010

– Palazzo Comunale Enrico Gagliardi, Vibo Valentia (VV), Premio Internazionale Limen Arte 2010, a cura di Giorgio Di Genova

– Palazzo Comunale, Fortunago (PV), Sulle rive opposte del fiume, a cura di Pino Jelo

– Biblioteca Civica, Pordenone, Collezione 7×11. La poesia degli artisti, a cura di Marco Fazzini colletive N°21

2009

– AR Officina Arte Contemporanea, Milano, e Spazio Espositivo Biblioteca Civica, Gorgonzola (MI), In Forma Lirica, a cura di Matteo Galbiati

– Palazzo del Turismo, Jesolo (VE), Pittura come gesto, a cura di Michele Beraldo e Willy Montini

2008

– Civico Museo Parisi-Valle, Maccagno (VA), Acquisizioni 2008, a cura di Claudio Rizzi

– Galleria all’Angolo, Mendrisio (Svizzera), Dialogo tra pittura e scultura, a cura di AR Officina Arte Contemporanea, Gorgonzola (MI) in collaborazione con Pangeart, Bellinzona (Svizzera)

2007

– Palazzo Ducale, Sabbioneta (MN), Dall’ideale all’arte contemporanea. Identità e umanismo, a cura di Claudio Rizzi

– Galleria Morone, Milano, Sfacciatamente Pittura, a cura di Raffaella Pulejo

2006

– Fruttiere di Palazzo Te, Mantova, Un lavoro fatto ad arte, a cura di Andrea B. Del Guercio

– Chiesa di San Pietro, Piacenza, Arte Cristiana Contemporanea, a cura di Andrea B. Del Guercio

2005

– Centro Cultura Arte Contemporanea, Albissola Marina (SV), Bertini, Ruggeri, Savelli, Shimizu, Balestrini, a cura di Riccardo Zelatore

– Civico Museo Parisi-Valle, Maccagno (VA), Paginas desde Lombardia, un museo de arte contemporaneo, a cura di Claudio Rizzi

2004

– Museo d’Arte Moderna, Gazoldo degli Ippoliti (MN) e Museo Civico Floriano Bodini, Gemonio (VA), Arte Contemporanea in Lombardia. Generazione Anni ’50, a cura di Claudio Rizzi

2003

– Fondazione Premio Michetti, Francavilla al Mare (CH), LIV Premio Michetti, a cura di Duccio Trombadori e Gabriele Simongini

– Ex convento delle Scuole Pie, Brindisi, L’immagine dell’arte del III Millennio, a cura di Massimo Guastella

2002

– Castell de Benedomiens e Castell d’Aro,Girona (Spagna), Sala Civica des – Exposicciones, Santa Pau, Girona (Spagna) e Museo d’Arte

Moderna, Gazoldo degli Ippoliti (MN), Paginas desde Lombardia un museo de arte contemporaneo, a cura di Raffaele De Grada, Claudio Rizzi e Cristina Portioli Staudacher

2001

– Villa Bottini, Lucca, Cinque artisti giapponesi, a cura di Francesco Morone

2000

– Galleria Morone 6, Milano e Galleria Aras, Ravensburg (Germania), Nuovi temperamenti, a cura di Claudio Cerritelli e Paolo Minoli

1999

– MiArt ’99, Milano, Babel, a cura di Philippe Daverio

– Galleria del Premio Suzzara, Suzzara (MN), XXXIX Premio Suzzara, a cura Davide Benati, Walter Guadagnini e Claudio Olivieri colletive N°9

1998

– Galleria Morone 6, Milano, Sinfonia d’inverno… Il tempo artificato

– Mazzoleni Sambonet Arte, Milano, Mono-Cromo A-Cromo

1997

– Galleria Gagliardi, S. Gimignano (SI); Galleria Multigraphic, Venezia; Galleria

– Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea, San Marino (Reppubblica di San Marino), Luoghi, a cura di Alberto Fiz

-Castello di Masnago, Varese, Nuove opere per Varese 2, a cura di Flaminio Gualdoni

1996

– Fondazione Premio Michetti, Francavilla al Mare (CH), XLVIII Premio Michetti, a cura di Flaminio Gualdoni, conseguito Premio acquisto

– Bar Jamaica, Milano, Nuovi temperamenti dell’arte/1, a cura di Claudio Cerritelli e Paolo Minoli

– Galleria Del Monte, Forio, Ischia (NA), Contemplazione, a cura di Giovanna Nicoletti

-Galleria Morone 6, Milano, Contemplazione, a cura di Giovanna Nicoletti 

1995

– Padiglione Neri dell’ex Ospedale Psichiatrico, Perugia, Presenze. Artisti stranieri oggi in Italia, a cura di Giorgio Bonomi  colletive N°6

1994

– Studio d’Arte Harry Zellweger, Carabietta (Svizzera), Giovani italiani

1992

– Ex Chiesa di San Carpoforo, Milano, Artisti Internazionali Inediti in Mostra, a cura di Achille Bonito Oliva colletive N°3

– Museo Butti, Viggiù (VA), Arte contemporanea 1. Acquisizioni e donazioni, a cura di Gottardo Ortelli   colletive N°2

– Museo d’Arte Stripe House, Tokyo (Giappone), Esposizione di Artisti e Allievi Contemporanei, a cura di Accademia di Belle Arti di Sokei di Tokyo

– Rotonda della Besana, Milano, Arte Fence. L’arte salva l’arte, a cura di Tommaso Trini

1991

– Città di Cremona, Cremona, Arte giovane in Lombardia

– Cattedrale ed ex Macello, Padova, Logos 91. Mostra internazionale d’arte di ricerca contemporanea, a cura di Giorgio Segato 

– Premio Acquisto Montecampione, (BS), Arte giovane, conseguito Premio Acquisto

1989

– Galleria Mazzocchi, Parma, Tra segno e colore, a cura di Gottardo Ortelli

Please follow and like us:
error

Lascia un commento