Varese Press giornale online

gli altri siamo noi

MIGRANTI CREMA. DE CORATO: SINDACO CONTRAVVIENE A LEGGE DELLO STATO

“Stupisce fino a un certo punto la decisione del sindaco di Crema di contravvenire volontariamente a una legge dello Stato, riconoscendo ai richiedenti asilo il diritto all’iscrizione all’anagrafe”. 
L’assessore regionale alla Sicurezza, Immigrazione e
Polizia Locale, Riccardo De Corato, commenta così, quanto sta
facendo Stefania Bonaldi che, da due giorni, firma direttamente
i certificati. 


“La decisione del primo cittadino – continua l’assessore – va
contro quella che è sembrata finora l’unica interpretazione
dell’articolo 13 del cosiddetto decreto sicurezza del ministro
dell’Interno Matteo Salvini, ossia che la richiesta d’asilo ‘non
costituisce titolo per l’iscrizione anagrafica’. Nel caso il
prefetto di Cremona decidesse di annullare gli atti assunti,
molto probabilmente il Comune farà ricorso contro il prefetto e
il Viminale, anche con l’obiettivo di arrivare poi alla Corte
Costituzionale per chiedere un giudizio di costituzionalità
dell’articolo 13 del decreto sicurezza.

“Non stiamo parlando di un capriccio – aggiunge De Corato – ma
di una legge votata dal Parlamento e firmata dal presidente
della Repubblica, Sergio Mattarella. Chi brandisce sempre come
una clava la legalità e il rispetto di norme e leggi dovrebbe
essere coerente con quello che decide di fare a livello
amministrativo. La legislazione italiana in materia è molto più
blanda e meno vessatoria di quella di altri Paesi europei e di
nazioni dalla consolidata storia democratica e istituzionale.
Eppure c’è chi ancora non riesce né a capire né ad ammettere che
in tema di accoglienza e di flussi migratori sono stati commessi
degli errori immani, che la Lombardia sta pagando a caro prezzo.
E’ una lezione che alcuni politici ed amministratori non hanno
ancora appreso”.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento