Varese Press giornale online

gli altri siamo noi

Busto Arsizio, il Baff presentato alla casa del cinema di Roma

Trasferta romana per l’assessore alla Cultura Manuela Maffioli alla Casa del Cinema dove è stata presentata la XVII edizione del B.A.FilmFestival – BAFF, in programma dal 30 marzo al 6 aprile.

“Anche quest’anno l’Amministrazione comunale è convintamente e fieramente a fianco della BA Film Factory, che, da diciassette edizioni, fa sì che dalla quinta città della Lombardia si levi forte la voce a sostegno del cinema italiano di qualità – ha dichiarato l’assessore bustocco.

Questa è infatti la prima ‘missione’ del BA Film Festival, che promuove e propone pellicole di ‘casa nostra’, supportandone e implementandone la conoscenza e la diffusione.

Ma il Festival assolve anche molte altre funzioni, facendosi veicolo di cultura, strumento di educazione, grazie al grande coinvolgimento delle scuole, promotore della città, con i tanti spazi dedicati alle eccellenze cittadine, e propulsore di sviluppo, attraendo persone ben oltre i propri confini e accogliendole anche grazie al coinvolgimento del sistema #commerciale e di un partecipe ‘sistema città'”.

“Il Baff è e si conferma un grande patrimonio della città – ha proseguito l’assessore Maffioli, vetrina di un più ampio ‘Sistema cinema’, che conta anche un istituto di formazione cinematografica, a cui accedono ragazzi da tutto il Paese.

Una Film Commission e un circuito d’essai, grazie alle sale, ancora presenti e attive in città che ha generato tutto questo grazie a una propria intima vocazione per il cinema, che ne fa una città ‘di’ cinema.

Il tutto in una lucida e lungimirante dimensione ‘glocal’, che ha consentito di coniugare il cinema nazionale e internazionale con il volto migliore della città”.

“Oggi a Busto si parla di cinema, si vive il cinema, si respira cinema – ha concluso l’assessore Maffioli.

E il Festival va certamente riconosciuto come grande elemento di contagio di un virus virtuoso, che l’Amministrazione è impegnata a supportare nella più ampia diffusione possibile”.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento