Varese Press giornale online

gli altri siamo noi

Pubblicato il: 13 Marzo 2019 alle 4:54

Varese, Chiara De Giorgio presenta la sua “nuova età in formazione”

di Fausto Bossi

Torniamo a intervistare volentieri una giovane promessa varesina come Chiara De Giorgio dopo averla conosciuta come ottima presentatrice e influencer, e adesso nei panni di scrittrice.

Infatti è stato pubblicato in questi giorni e sarà a breve presentato il suo libro dal titolo “una nuova età in formazione”.

Un altro quadratino spuntato tra le voci del tuo curriculum sotto la casella “pubblicazione di un libro.”

Come sei partita o cosa ti ha convinto a lanciarti in quest’idea?

L’idea di scrivere un libro è partita dalla mia esperienza personale, da 5 anni, infatti, insegno informatica over 60 con la cooperativa il Cavedio di Varese.

Questo mi ha portata a contatto con persone meravigliose ultra sessantenni che durante le lezioni mi hanno dato la possibilità di vedere come una persona adulta possa vivere questo cambiamento sociale.

Ci sono dei cenni autobiografici, hai dato spazio alla fantasia o hai “usato” delle persone che conosci da cui hai tratto spunto nello scrivere?

Avendo anche una laurea nel campo sociologico e dell’emarginazione ho voluto trascrivere delle riflessioni sull’argomento.

Riguardo alle nuove tecnologie si pensa spesso ai giovani, a l’uso che ne fanno e ci si pone la domanda se l’utilizzo costante dei mezzi informatici possa influenzare negativamente la crescita dell’individuo o meno.

La domanda che invece ci si pone poco è: le persone adulte o anziane come vivono questa tecnologia?

Oggi l’uso di internet e del computer in generale non è più una scelta ma un’esigenza.

Nel libro vado a paragonare la tecnologia a un linguaggio e se il mondo utilizza questo, giusto o sbagliato che sia, per dialogare è importante che tutti siano in grado di adoperarlo.

A mio parere la parte più bella del libro sono le testimonianze di alcuni miei alunni che ho intervistato chiedendo loro di spiegarmi il motivo che li avesse spinti imparare a utilizzare il computer.

Ognuno di loro ha raccontato la sua storia, arricchendo quindi le pagine di importanti esperienze e dando la possibilità al lettore di riflettere.

A quale target, come persone o età, vorresti rivolgerti?

Il target a cui mi rivolgo è molto vasto, la persona anziana o adulta ha la possibilità di rivedersi e il giovane di scoprire dei punti di vista differenti.

Che messaggio ti piacerebbe fosse trasmesso ai lettori?

Le persone anziane sono un’importantissima parte della società ed è giusto che se ne parli. “Il giovane è in grado di camminare più velocemente del anziano, ma l’anziano conosce la strada giusta”.

In ultimo, ma non per ordine d’importanza, sai già dove e quando avverrà la presentazione ufficiale della tua prima fatica editoriale?

Sono molto emozionata, è stata una situazione nuova per me e felice di come si è conclusa.

Approfitto di questo grande spazio che mi avete gentilmente concesso per invitare tutti i lettori alla presentazione ufficiale del mio libro che si terrà giovedì 21 marzo alle ore 18 presso la Feltrinelli di Varese.

Please follow and like us:

Lascia un commento