Varese Press giornale online

gli altri siamo noi

Pubblicato il: 11 Marzo 2019 alle 18:32

Tutto esaurito a Varese per il Don Giovanni di Mozart

Serena Nardi Regista
Serena Nardi

Grande successo di pubblico per il ritorno della lirica in città.

Dopo settant’anni si è tornato a parlare di lirica a Varese in un teatro con il debutto del “Don Giovanni” di Wolfgang Amadeus Mozart al Teatro Openjobmetis, diretto dal Maestro Riccardo Bianchi, per la regia di Serena Nardi.  Il Don Giovanni di Serena Nardi è personaggio quanto mai attuale in un epoca, come l’attuale, nella quale ci si guarda intorno alla ricerca di quella riumanizzazione sia personale sia sociale, verso una riaffermazione umana, il netto no al conformismo, all’accettazione di modelli di vita non condivisi, all’approvazione altrui. Miseria e grandezza della condizione umana di cui Don Giovanni è conscio, non un cinico seduttore fine a se stesso ma uomo tormentato, smanioso di vivere ma nello stesso tempo consapevole del proprio tormento interiore. Tenere insieme gli opposti questo esce dalla musica di Riccardo Bianchi, dove interpretazione e improvvisazione si incontrano e si fondono tra loro, dove  armonia ed ebbrezza dominano l’arte. Una messa in scena dalle forti radici varesine che ha voluto coinvolgere anche i giovani. C’è molta Varese in questo Don Giovanni: la regista Serene Nardi, il direttore Riccardo Bianchi, rientrato per l’occasione da Malta, dove lavora come Direttore presso la Malta Philarmonic Orchestra e il Malta National Choir, gli interpreti Mariachiara Cavinato (Donna Anna), Margherita Vacante (Zerlina) e Daniele Piscopo (Masetto), l’Orchestra OSM,  in gran parte formata da musicisti varesini. Per non dimenticare gli oltre 500 studenti di Varese e Provincia e i loro insegnanti coinvolti, a diverso titolo nella messa  in scena dell’opera anche con lezioni in classe. Alcuni alunni del Liceo Statale Musicale Manzoni sono stati impiegati come musicisti e comparse come  pure il coro, diretto dal maestro Andrea Motta, composto sempre da alunni del Liceo Musicale. Gli studenti del Liceo Artistico Frattini hanno realizzato parte degli accessori scenici. Gli allievi di Estetica e Acconciature dell’Agenzia Formativa, CFP di Varese, hanno realizzato il  trucco e parrucco. Ma il vero protagonista è stato il pubblico varesino con un tutto esaurito in sala e applausi a scena aperta, un chiaro segnale che anche Varese sa apprezzare musica ed arte, quando gli viene offerta.

Gianni Armiraglio

Il Maestro Riccardo Bianchi durante le prove del “Don Giovanni” a Varese

Please follow and like us:

Lascia un commento