Varese Press giornale online

gli altri siamo noi

Pubblicato il: 6 Marzo 2019 alle 19:15

Melito, ospedale al collasso

di Giuseppe Criseo

Scoperto pure l’accesso libero alle cartelle cliniche e ai dati sensibili

Il servizio delle Jene ha mosso le acque

I sindaci di Melito e di Condofuri visitano l’ospedale e annotano che non esistono controlli all’ingresso.

Al Pronto Soccorso si entra con facilità, affermano i sindaci.

Al piano superiore non c’e’ personale che controlli e si accede pure alla sala operatoria senza che nessuno dica nulla.

Entrano e girano nell’ospedale deserto, ” nessuno ti chiede cosa stai facendo”.

Si esce e si rientra facilmente, dall’interno nel cortile e viceversa

La radiologia non funziona da qualche mese, un Pronto Soccorso senza radiologia non ha senso.

Pure un bambino che e’ caduto, e’ stato portato a Reggio.

Giuseppe Meduri fa esempi concreti da Roccaforte”ci vogliono due ore e mezza per arrivare a Reggio, qual’ e’ il diritto alla salute e come viene garantito?”

Il sindaco Iaria accompagna l’altro suo collega di Melito con la fascia a dimostrazione che le Istituzioni si pongono il problema della sicurezza e della salute.

“dopo il servizio delle jene e’ difficile capire se non si fotografano le cose dal vivo”, se il Ministro della Salute viene perche’ c’e’ stato il servizio non ha senso.

Meduri: “chiederò al Prefetto in una mano d’aiuto”, la conferenza dei sindaci ha denunciato i problemi al DG Brancati, senza alcuna risposta.

Lascia un commento