Varese Press giornale online

gli altri siamo noi

Licenziato per le “pause eccessive in bagno”

Storie incredibili in cui spesso si confondo i diritti con i furbetti ma non in questo caso specifico, l’uomo era ammalato.

La triste notizia ci arriva dal nostro collaboratore Giovanni D’Agata dello “Sportello dei Diritti”:

Il gigante dell’e-commerce Amazon non ha una bellissima reputazione. Dalle accuse di aver contribuito alla chiusura dei negozi indipendenti a quelle di un’evasione senza precedenti, sembra che non abbia pace. A quanto pare comunque, nemmeno chi ci lavora ha un secondo di pace. Un lavoratore malato di Crohn dipendente di un call center del Kentucky, negli Stati Uniti è stato licenziato da Amazon per le frequenti scappate in bagno. Il dipendente affetto da patologia cronica sarebbe stato allontanato dal posto di lavoro dall’azienda che ben sapeva dei suoi gravi problemi di salute. Ora l’ex dipendente. Nicolas Stover, ha citato in giudizio Amazon, per le gravi e assurde accuse di “furto di tempo” proferite dal suo supervisore. Il signor Stover, ha riferito che sin dal momento dell’assunzione Amazon ben sapeva dei suoi gravi problemi di salute. A causa della malattia, Stover afferma di essere stato costretto a usare il bagno più spesso rispetto gli altri impiegati, situazione che gli ha causato sanzioni disciplinari. Secondo la sua denuncia, la società che era già consapevole della malattia sin dal momento della sua assunzione a novembre 2016 e durante il periodo di prova e per questo, ha violato la legge americana sulla disabilità con “politiche inflessibili e disumane riguardanti l’accesso al bagno”. Nella richiesta di risarcimento depositata il ​​15 febbraio, Stover ha avanzato un risarcimento dai 3 a 4,2 milioni di dollari di danni per i salari persi e un “significativo aggravamento dei sintomi” della malattia di Crohn. Al call center del Kentucky, i dipendenti hanno diritto ad un’ora di pausa pranzo, due pause al giorno di 15 minuti e 20 minuti. La denuncia menziona il tempo assegnato per le pause bagno che non può essere modificato dai dipendenti. Dopo sei mesi, il signor Stover ha richiesto pause al bagno non programmate, un banco più vicino al bagno e una sistemazione igienica per il trattamento endovenoso della malattia. Sono stati tutti negati. Due anni fa, commenta Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”,sia il Guardian che la BBC hanno mandato i loro reporter sotto copertura a vedere come fosse davvero la vita dentro uno dei famigerati “centri di smistamento” di Amazon. Hanno riferito che non era il massimo. In buona sostanza, avrebbero rilevato livelli di stress pericolosi per la salute mentale, vesciche per le lunghe camminate, turni lunghissimi e paghe di merda. Non si sa ancora quanto siano diffuse queste politiche e se questa singola denuncia sia un outlier. Un portavoce di Amazon ha riferito che al momento la società non ha pendenze legali in sospeso.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento