Varese Press giornale online

gli altri siamo noi

Varese, Villa Mylius, “Alberi tagliati di nascosto, grave il silenzio della giunta”

“Era veramente necessario tagliare in quel modo gli alberi di Villa Mylius? La giunta Galimberti non può nascondersi e deve dare una risposta”.

Così i Consiglieri comunali della Lega Marco Pinti e Fabio Binelli, che intervengono sul caso del viale alberato di Villa Mylius. Pinti ha presentato un’interrogazione alla giunta.

“La città di Varese è nota la grande pubblico con l’appellativo di Città Giardino – spiega Pinti – quindi l’attenzione all’ambiente e la cura del verde pubblico dovrebbero essere capisaldi di ogni amministrazione comunale”.

“Per questo vogliamo sapere se vi siano motivazioni concrete e serie, e quali siano, per giustificare il taglio del viale alberato del Parco di Villa Mylius, molto amato dai Varesini.

Inoltre, sarebbe opportuno che la giunta rendesse noto se vi sia un progetto più ampio di valorizzazione di questo parco” aggiunge il Consigliere comunale.

“Gli alberi sono esseri viventi, sottoposti a malattie e invecchiamento – spiega il Capogruppo leghista Fabio Binelli – sono quindi convinto che ogni tanto sia necessario intervenire e la cosa non mi scandalizza.

Sorprende tuttavia la modalità d’azione: mentre in passato l’amministrazione di centrodestra avvertiva sempre prima di intervenire sul verde pubblico, ed era aspramente criticata, chi ai tempi la criticava oggi siede nella maggioranza che agisce in questo modo sulla natura, senza neppure avvertire i cittadini. E senza avvertire, a quanto pare, nemmeno i colleghi di giunta”.

“Ricordo – aggiunge Binelli – come ai tempi si scatenarono campagne contro la nostra amministrazione ogni volta che si voleva intervenire nei parchi.

I casi più eclatanti furono quello dell’arrampicatore dei Giardini Estensi e il blocco del parcheggio della Prima Cappella, iniziato per impedire il taglio di un albero”.

“Direi che in quanto a trasparenza – conclude Binelli – con questa amministrazione si siano fatti numerosi passi indietro”.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento