Varese Press giornale online

gli altri siamo noi

Compagnonaggio, evento del Grande Oriente sui mestieri antichi

Il compagnonaggio è un movimento che deriva dalle antiche corporazioni di mestiere. Diffuso soprattutto in Francia, in Germania, ma anche in Belgio e nei Paesi scandinavi, questo movimento ha il suo maggiore sviluppo nel XVIII secolo. Con il nome compagnoni venivano descritti appartenenti a vari mestieri, fra cui i tagliatori di pietre, i carpentieri, gli scultori e in genere, tutti i Maestri d’Opera. Il Compagnonaggio è, dunque, il movimento che riunisce in sé tali antichi mestieri.

Il suo simbolo, che ricorda l’emblema della Libera Muratoria, è quello della cazzuola sormontata da squadra e compasso intrecciati.

Se n’è parlato presso il 16 febbraio al Teatro Vascello di Roma (Via Giacinto Carini, 78), nel corso dell’incontro organizzato su iniziativa del Servizio Biblioteca del Grande Oriente d’Italia, dal titolo “Valore e attualità del compagnonaggio, antica iniziazione di mestiere” al quale ha partecipato il Gran Maestro Stefano Bisi che ha tenuto le conclusioni. Ha introdotto i lavori Bernardino Fioravanti, bibliotecario del Grande Oriente

Il Compagnonaggio è riuscito nel tempo, superando molteplici sfide, a rinnovarsi e coniugare insieme i due concetti che costituiscono l’identità profonda di questa istituzione, la tradizione e la modernità, creando un sistema di imprese che non ha rivali nella richiesta di opere dove la tecnologia si unisce all’antico e alla ricerca più avanzata. Registrato dal 2010 nell’elenco del Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità, il Compagnonaggio di oggi è una scuola unica di trasmissione di conoscenze e abilità antiche legate ai mestieri della pietra, del legno, del metallo, della pelle e dei tessuti.

Testimonianze e interventi di Giorgio Battistelli, compositore e operatore culturale, che ha illustrato il suo “Experimentum mundi”, opera di musica immaginistica con I suoni degli artigiani, ma anche di Giorgio Battistelli, compositore e operatore culturale, che ha illustrato il suo “Experimentum mundi”, opera di musica immaginistica con I suoni degli artigiani.

L’evento è stato descritto minuziosamente tra gli eventi del GOI. 

Gli interessati possono pure scaricare altri dettagli

Please follow and like us:
error

Lascia un commento