Varese Press giornale online

gli altri siamo noi

Busto Arsizio, Francesca Cisotto, giovane promessa bustocca

di Fausto Bossi

Francesca Cisotto, giovanissima risorsa bustocca pronta a stupire con le sue passioni coltivate fin dai primi passi.

Passato nonostante la giovane età a contatto con volti noti come Filippa Lagerback, Antonella Clerici, shooting fotografici o a spasso tra i camerini o gli appuntamenti.

Francesca è nata nella bella Legnano, ma cresciuta a Busto Arsizio, dove tuttora vivo. 

“Ho frequentato il Liceo Artistico Paolo Candiani, ho amato l’arte fin da piccola quando mamma mi metteva sul tavolo da cucina ed io tra acquerelli e forbici, rigorosamente a punta arrotondata, creavo il mio mondo. 

L’arte non l’ho mai abbandonata, fa parte della mia vita costantemente; in cucina, nelle pagine che nella notte scrivo, in quei ritratti che ogni tanto mi diletto a fare e nelle idee che cerco per far uscire il meglio di me. 

Ma conclusi quegli studi, ho preferito prendere la strada della scrittura, dei libri umanistici e filosofici; determinante in questo è stata per me la mia Professoressa di lettere Annarosa Bossi e il Professore di filosofia Alessandro Sardi, materna una e amico l’altro, ma entrambi severi e umani al contempo. Mi hanno aperto un mondo e li vorrei ringraziare.

Così ho scelto di studiare Scienze della Comunicazione; manca poco alla laurea, sto già scrivendo la tesi perchè con la testa sono già lì, non vedo l’ora di vedere le persone a me più care fiere di me, ma soprattutto di vedere il mio sorriso, quello che mai avrò visto e di andare a prendermi ciò che mi spetta, ciò che spetta a tutti i giovani che hanno fame di una realizzazione personale” racconta sorridente Francesca.

“Ho toccato anche quella che è l’arte della televisione, quella dietro l’obiettivo; ancora oggi mi diverto con i miei fotografi di fiducia a realizzare qualche bello scatto e altre volte, sempre quando lo studio me lo permette, partecipo come figurante in pubblicità/spot/sitcom/webseries ecc. dei nostri grandi enti televisivi. 

Negli ultimi tempi sto collaborando con un gioielliere della mia città, Watches & jewels 24, per far conoscere i suoi prodotti.

Sono invece di casa ormai a Malpensafiere in occasione dei raduni di auto e moto d’epoca in cui anche lì collaboro come ragazza immagine” continua il racconto.

“Ci tengo a dire che sto andando per la mia strada, a chi vuole intraprendere un percorso nel mondo televisivo, ma come in qualunque altro, di non abbassarsi mai! Non nascondo che mi è stato consigliato e non una volta, ma ahimè non avevano capito proprio niente di quella che sono, di quella che voglio essere e di quella che voglio ricordare. 

Per ora aspetto la laurea e poi voglio continuare nel mondo del giornalismo, più precisamente sulla strada di quello investigativo. Quest’ultimo e la cronaca nera mi hanno sempre colpita; papà invece ha sempre spinto affinché io studiassi giornalismo e sperava mi orientassi su quello sportivo, senza accorgersi, però, che insieme, più che partite di calcio e F1, ci siamo visti sempre programmi tv dedicati a casi di nera irrisolti.

Ho intorno tante persone che credono in me e in un modo o nell’altro mi sostengono: A partire dai fotografi di sempre, Maurizio Galbiati e Renato Paitoni; l’amico e consigliere comunale di Busto Alessandro Albani; l’insostituibile allenatore di ginnastica artistica (che ho lasciato) Rino Scala; il mio relatore Gennaro Scarpato, l’amico e autore delle “Iene” Matteo Romano e molti altri, i miei amici e soprattutto la mia famiglia; loro sono i miei fan”, ricorda Francesca.

“L’amore ha fatto centro nella mia vita anni fa ormai, in seguito ho solo provato a crederci, ma non ho mai incontrato la persona che va oltre all’immagine, a quello che faccio nella vita e io, malfidata lo ammetto, non mi sono buttata ad approfondire conoscenze o a investire troppi sentimenti. Ma vi confido, qualcosa sta cambiando; non voglio parlare troppo in alta voce, forse forse ho trovato l’amore che merito, ma ve lo saprò dire solo più avanti. 

Mentre la mia famiglia è tutto ciò di cui vado fiera; ho ancora la bisnonna di 91 anni e dei nonni ancora in gambissima. Ho in cantiere un libro, che ho già iniziato a scrivere, dove parlo di loro, di me e di tutto il mondo che sta dietro. Ecco, questo libro è uno dei sogni nel cassetto…chissà! 

E…mi rivedrete presto, sicuramente, ma per ora non posso svelare nulla, è un work in progress”, conclude la giovane la sua intervista.

Sicuramente e ci farebbe molto piacere seguire le gesta e raccontare volentieri gli sviluppi, perché è bello credere e valorizzare questa esperienze giovani.

Please follow and like us:

Lascia un commento