Varese Press giornale online

gli altri siamo noi

Ncc, Comitato AIR “Dal Governo nessuna risposta alle nostre richieste

La portavoce Pavoletti: “Non sono disponibili a modificare la legge”

Roma, 15 febbraio 2019 – “L’atteggiamento del Governo è sorprendente e sconcertante perché non vuole entrare nel merito di una normativa che oggettivamente non solo viola vari principi di diritto, ma anche perché appare indisponibile a trovare una soluzione che consenta di mantenere in piedi migliaia di imprese. Siamo delusi, preoccupati e anche arrabbiati” così Claudia Pavoletti sintetizza la posizione del neonato Comitato AIR (autonoleggiatori italiani riuniti) sull’esito del confronto di ieri con il Governo.

Il problema – spiega Pavoletti – è che ci hanno convocato a un tavolo che però non aveva alcun potere politico di fornire risposte concrete e definitive al nostro settore. Prima infatti dovevamo discutere in merito ad una legge che è evidentemente sbagliata, ma quando siamo arrivati al tavolo ci hanno spiegato che si trattava invece soltanto di un appuntamento tecnico con compiti di informazione reciproca e che si sarebbe dovuto parlare solo dei profili applicativi della norma. Insomma il Governo ci ha fatto sapere, seppur indirettamente, che non vuole fare passi indietro dalla attuale formulazione della legge, che, non va mai dimenticato, hanno scritto in pratica sotto dettatura della lobby dei taxi”.

“Per gli Ncc invece è indispensabile discutere tutta la norma, e non solo dei dettagli applicativi, proprio perché non si può continuare a guardare il dito mentre il problema è la Luna che gli stiamo indicando. Per questo abbiamo chiesto che perlomeno venga sospesa l’entrata in vigore della nuova disciplina, che è disorganica, illogica, dannosa e che certamente genererà non solo contenziosi giudiziari in ogni tribunale, ma che farà saltare per aria molte aziende e cancellerà molti posti di lavoro” conclude Pavoletti.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento