Varese Press giornale online

gli altri siamo noi

Crodo,intervista all’Ass. Dresco sulle pitture preistoriche

di Giuseppe Criseo

Il posto in cui sono state ritrovate è inaccessibile e pericoloso da raggiungere ma per non negarne la visione al pubblico che vuole sapere e vedere, si è ben pensato di ricorrere alla tecnologia, con l’annuncio che appare sul sito http://www.balmadeicervi.it/welcome.html

Livio Lanfranchi, colui che ha fatto la scoperta

” La scoperta della Balma dei Cervi, l’antico murale di pietra che ha custodito per millenni preziose pitture rupestri preistoriche, è per Crodo un ulteriore elemento di ricchezza: a tutti i visitatori il mio caloroso benvenuto nel nostro territorio e nel nostro Museo Virtuale!”

La visita virtuale comincia così:

Cliccando su uno dei punti evidenziati si ottiene l’ingrandimento e la possibilità di vedere le bellezze del luogo antico, ritrovato anni fa ma ora l’impegno dell’Amministrazione assieme alla Compagnia di San Paolo che ha messo dei soldi, alla cooperativa archeologica «Le orme dell’uomo» di Brescia coordinata dalla Soprintendenza e i fumetti che riproducono le figure nella palestra  (il primo premio è stato dato a Carlo Maria Lux di Domodossola), hanno permesso di dare seguito al progetto di valorizzazione del ritrovamento.

sito realizzato col contributo di :

 Orme dell’Uomo-Footsteps of ManComune di Crodo
coordinamento scientifico SABAP-NO, Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le Province di Biella, Novara, Verbano-Cusio-Ossola e Vercelli.

Qual è l’importanza del ritrovamento? Si tratta di  109 figure di queste 26 umane su una parete di 6 metri risalenti a 5000 anni A.C.; i dettagli sono spiegati dall’Ass. Dresco Marco

Fotografie dell’area visibili cliccando nel sito http://www.balmadeicervi.it/photogallery/index.html

Please follow and like us:

Lascia un commento