Varese Press giornale online

gli altri siamo noi

Pubblicato il: 7 Febbraio 2019 alle 14:46

Il Comune di Gallarate come esempio da seguire in materia di lotta alla corruzione.

di Giuseppe Criseo

Andrea Cassani, sindaco di Gallarate

Il sindaco naturalmente si è dimostrato soddisfatto della notizia, Il Dipartimento Funzione Pubblica ha selezionato il Comune di Gallarate fra gli Enti che attuano le migliori pratiche di gestione del rischio da corruzione.

<Non sono sorpreso>, commenta il primo cittadino, <che il Dipartimento funzione pubblica abbia selezionato il Comune di Gallarate come esempio da seguire in materia di lotta alla corruzione. Il delicato tema, infatti, ha da sempre la mia massima attenzione e su mia indicazione, sin da primi giorni del mandato, l’amministrazione si è subito applicata apportando marcate innovazioni finalizzate al contrasto di questo triste fenomeno. L’ipotesi è che la nostra impostazione faccia scuola e che perciò venga adottata da altri enti pubblici>.

Particolare attenzione viene data ai conflitti di interesse; alla gestione degli appalti; a bandi, affidamenti e contratti; ai concorsi pubblici; ai documenti urbanistici e ai relativi permessi; alla tracciatura informatica di tutti i provvedimenti amministrativi”, punti fondamentali dell’impegno anticorruzione che deriva dall’ANAC.

Piano triennale di prevenzione della corruzione e della trasparenza 2018-2020

Il piano nazionale prevede una serie di controlli per evitare la corruzione con una mappatura e si avvale della nuova figura che consente di denunciare i comportamenti sospetti ” L’Ufficio per la vigilanza sulle segnalazioni dei whistleblowers, invece, cura la gestione delle segnalazioni provenienti dai dipendenti delle pubbliche amministrazioni e dai soggetti individuati dall’art. 54 bis del decreto legislativo n. 165/2001, ai fini di vigilanza e controllo sull’applicazione della normativa in materia di prevenzione della corruzione, proponendo, se ricorrono i presupposti, l’irrogazione delle sanzioni amministrative previste dalla normativa vigente. “

Lascia un commento