Varese Press giornale online

gli altri siamo noi

Pubblicato il: 5 Febbraio 2019 alle 11:57

Busto Arsizio, arrivano Ale e Franz al Teatro Manzoni

Venerdì 15 febbraio 2019 alle ore 21 arriva al Teatro Manzoni la grande tradizione del Teatro canzone: lo spettacolo “Nel nostro piccolo” scritto da Francesco Villa, Alessandro Besentini, Alberto Ferrari (che è anche regista) e Antonio De Santis ripercorre le tappe dell’esperienza artistica di Ale e Franz, guardando al modello intramontabile di Gaber e Jannacci, e affida la colonna sonora agli strumenti di Luigi Schiavone, Fabrizio Palermo, Francesco Luppi e Marco Orsi.

Così raccontano Villa e Besentini: “Nel nostro piccolo è un viaggio alla ricerca del nostro punto di partenza, quello che ha mosso la nostra voglia e ricerca di comicità. Ma Ridendo. Il racconto di un mondo visto dalla parte di chi ha il coraggio, con le proprie idee, di vedere dentro la vita di ognuno. Raccontare le piccolezze, le sconfitte, le paure che ci accompagnano.

Sempre Ridendo. La risata è il nostro veicolo fondamentale per riuscire a parlare di noi senza prenderci troppo sul serio.

Nel costruire le tappe di questo percorso ci siamo imbattuti nei nostri punti fermi, che ci hanno, grazie al cielo, condizionato: Giorgio Gaber ed Enzo Jannacci.

Loro sono stati la scintilla che ci ha permesso di vedere l’uomo come il centro di tutto. Conoscere il suo mondo. Vederlo mentre ci gira intorno.

Un mondo sofferto e gioioso, colorato e grigio, assolato e buio. Ma sempre e comunque un mondo vero, reale. Senza timori, senza remore. Tutto questo porteremo con noi, sul palco.

E vi racconteremo la fortuna di aver potuto respirare la stessa aria che Gaber e Jannacci respiravano. L’aria di Milano. Di quegli anni. Ma ridendo sempre!”.

Alessandro Besentini e Francesco Villa diventano Ale e Franz nel 1992. Erano gli anni del CTA (Centro Teatro Attivo) e i due muovevano i primi passi nel mondo dello spettacolo. Da lì tutto ebbe inizio, lavorando in seguito per il teatro, il cinema e la televisione, da Zelig a Buona la prima.

Lascia un commento