Varese Press giornale online

gli altri siamo noi

I piloti non dormirebbero abbastanza prima di entrare nella cabina di pilotaggio

Un quarto dei piloti dormirebbero meno di cinque ore al giorno prima di entrare nell’abitacolo per i voli a lungo raggio. A rilevarlo un sondaggio su 625 piloti effettuato dall’Australian Transport Safety Bureau (ATSB) che per Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, non può non destare preoccupazioni ove tali dati fossero confermati anche in Italia e ne Vecchio Continente. L’indagine si sarebbe incentrato su quanto riposerebbero i piloti prima di effettuare voli interni, internazionali, charter e aeromedici. Ed ha evidenziato che mentre la maggior parte dei piloti si riposava a sufficienza, molti non lo facevano – e un periodo di sonno di meno di cinque ore potrebbe essere collegato a prestazioni alterate durante il volo. Circa il 10% dei piloti ha dichiarato di avere meno di cinque ore di sonno il giorno prima del volo, e il 17% ha dichiarato di aver dormito per meno di 12 ore nei due giorni precedenti. “È stato dimostrato che queste soglie di sonno sono associate a prestazioni compromesse”, afferma il rapporto. L’indagine ha rilevato che il problema del minor sonno in servizio era più riferibile ai piloti dei voli internazionali che a quelli dei nazionali. Circa un terzo ha dichiarato di aver dormito tanto quanto lo faceva normalmente a casa propria, mentre circa il 15% dei piloti internazionali ha dichiarato di non aver “riposato” durante il loro ultimo volo internazionale. I piloti nazionali hanno riferito di ritenere che i periodi di riposo fossero troppo brevi e che il tempo di servizio fosse troppo lungo. Hanno anche detto che l’accesso al cibo durante il servizio potrebbe essere più difficile rispetto ad altri piloti. Inoltre, circa uno su tre piloti ha dichiarato di essersi assentato dal lavoro almeno una volta nell’ultimo anno, per lo più tra uno e tre giorni, a causa della fatica accumulata, ma ha ritenuto che l’azione avesse lasciato un’impressione negativa con le proprie compagnie aeree, e non si sentiva a proprio agio nel farlo. Uno su quattro piloti riesce ad avere meno di cinque ore di sonno al giorno prima di entrare nell’abitacolo per i voli a lungo raggio. Il rapporto afferma che la responsabilità di gestire il rischio della stanchezza è stata condivisa tra il pilota e il suo datore di lavoro. “È importante che gli operatori implementino politiche per ridurre la probabilità di problemi legati alla stanchezza attraverso pratiche di roster e fornendo una cultura organizzativa in cui l’equipaggio può segnalare la stanchezza in un ambiente favorevole”, ha detto l’ATSB. “I risultati di questa ricerca suggeriscono che operare in circostanze favorevoli alla fatica è una sfida continua per una percentuale di piloti del trasporto aereo australiano”. L’indagine ha trascurato una domanda importante: quanti piloti si erano addormentati a metà volo, ha sottolineato il direttore tecnico e di sicurezza australiano e internazionale dei piloti Shane Loney. Ci sono stati casi in cui i piloti si sono involontariamente addormentati durante il volo, ha detto un esperto di sicurezza dei voli. “L’ho visto dal vivo in un gruppo di 250-300 piloti ed è quasi scioccante vedere quante persone lo hanno fatto”, ha detto. “La cosa peggiore è la strana occasione in cui hai due piloti che si sono addormentati involontariamente. “Succede molto più spesso di quanto vorremmo immaginare.” Loney ha dichiarato che i risultati del sondaggio sono arrivati ​​in un momento opportuno. “Quando hai il 30% dei piloti a lungo raggio che riportano meno di 12 ore di sonno in 48 ore, è un debito di sonno che stai accumulando”, ha detto intervistato dal The Australian. In ogni caso, per Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, sarebbe utile proporre un sondaggio analogo anche per i nostri voli interni e quelli europei al fine di verificare se la condizione dei piloti nostrani sia simile o più controllata.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento