Varese Press giornale online

gli altri siamo noi

Pubblicato il: 5 Gennaio 2019 alle 19:49

SENATORE MONTANI (LEGA) SU DISSESTO ECONOMICO: DALLO STATO IN ARRIVO 3 MILIONI ALLA PROVINCIA DEL VCO

Dallo Stato arriveranno 3 milioni di euro grazie ai quali sarà possibile la gestione ordinaria del territorio, mentre i debiti della Provincia -che ammontano a circa 33 milioni di euro- saranno per il momento congelati.

Dopo la partecipazione del vice ministro della Lega Stefano Candiani ai lavori del consiglio provinciale di venerdì 4 gennaio 2019, è il senatore Enrico Montani a confermare la strada intrapresa per uscire dalla difficile situazione in atto.

Salvo imprevisti, l’ufficializzazione del dissesto avverrà entro 10
giorni. “E’ urgente bloccare i debiti e ottenere un po’ di liquidità
per la gestione ordinaria.

Questo passaggio, illustrato e discusso in consiglio, lo si compie
insieme al presidente Lincio e al vice ministro agli Enti locali. Adesso
ci si rimbocca tutti le maniche per voltare pagina e, soprattutto,
grazie a quei 3 milioni, evitiamo al presidente della Provincia di
incorrere in possibili guai nel malaugurato caso di un incidente
scolastico o di altri eventi che l’ente non avrebbe potuto coprire vista
la mancanza di fondi”.

Al vice presidente della Regione, che ha dichiarato di non gradire
mediatori con il Piemonte, Montani replica così: “Al posto di prodigarsi
ogni volta a inseguire i miei comunicati, consiglierei a Reschigna di
collaborare per il bene del Vco con tutte le persone, vice ministro
Candiani compreso, che dimostrano coi fatti di voler dare il proprio
contributo alla rinascita di un ente in crisi anche per l’inadeguatezza
delle politiche di Chiamparino e compagni”.

E soddisfazione per la strada intrapresa è stata espressa anche dal
deputato della Lega Alberto Gusmeroli, anch’egli presente all’incontro
con il vice ministro, mentre il commissario della sezione Lega Verbania
Alberto Preioni condanna “la sciagurata legge Del Rio di questo Pd e il
mancato riconoscimento di 18 milioni di sacrosanti canoni idrici che le
regioni governate dalla Lega -Veneto e Lombardia- da sempre riconoscono
integralmente alle loro province di montagna (Belluno e Sondrio)”.

Lascia un commento