Varese Press giornale online

gli altri siamo noi

Pubblicato il: 1 Gennaio 2019 alle 11:33

Venegono Inferiore ospita la 47a edizione del Presepe vivente

di Paolo Bossi

Presepe di Venegono Inferiore

Spegne 47 candeline l’appuntamento, atteso da molti, del Presepio Vivente di Venegono Inferiore.
Si tratta, infatti, di una tradizione molto cara agli abitanti del paese, consapevoli che quest’opera d’arte “a movimento umano” costituisce dal Natale 1972 un’occasione preziosa per celebrare la Natività.
Quest’anno la scelta degli organizzatori è stata incentrata sulla volontà di fare percepire l’importanza dell’accoglienza verso il prossimo, ma anche della tematica dell’abuso di alcolici e della tecnologia. Nella rappresentazione sono miscellati questi elementi, a fare da cornice a quellp che è il fulcro della rappresentazione stessa: la Natività.
Oggi si assiste a una rappresentazione in continua evoluzione, ogni anno più bella, più sofisticata e… sempre diversa: non tutti sanno, infatti, che il presepio vivente presuppone la scelta di un bozzetto utilizzato come canovaccio da seguire al fine di realizzare l’edizione corrente, accorpata e sintetizzata da un gruppo di sceneggiatori incaricato di individuare di volta in volta discorsi nuovi, ambientazioni accattivanti, personaggi complementari con relativi animali da accudire e preventivamente addestrare, scenografie dal pieno realismo.
Tutti elementi che si inseriscono in un contesto reso in modo tale da non snaturare la storia, mantenendo inalterata la purezza dell’Avvento. Essenziali le musiche d’accompagnamento, più propriamente considerate un commento musicale a corredo dell’avvenimento riprodotto. Molto laborioso il lavoro scenografico: si pensi che gli edifici del presepio sorgono da una struttura lignea che viene ricoperta da una tela imbevuta nel cemento, tanto da riuscire a ricreare le murature dell’epoca antica.
Al Presepio vivente si affianca il Presepe statico, tradizionale in miniatura che è visitabile negli stessi giorni e orari delle rappresentazioni viventi. Quest’anno sono è dedicato alle Culture, e fanno bella mostra di sé nel panorama del presepe alcuni riferimenti alla civiltà greca, a quella romana e palestinese.

Il Presepio vivente è visitabile tutti i giorni dal 1° al 6 gennaio 2019 e il 12-13 gennaio 2019. Nei giorni Festivi le repliche dello spettacolo saranno in continuo dalle 14.30 alle 17:30. Nei giorni Feriali sono indicate tre repliche alle ore 14:30, 15:30 e 16:30.
L’ingresso è gratuito, e fruibile anche ai disabili.
Per maggiori informazioni visita il sito www.presepiovenegono.it.

Lascia un commento