Varese Press giornale online

gli altri siamo noi

SAMARATE. PASSEGGIATE PER LA SICUREZZA.

RUSSO, FN: L’ASSESSORE MOI ABBATTA IL SUO MURO DI ORGOGLIO E RETORICA E COLLABORI CON NOI PER LA SICUREZZA DEL PAESE

riceviamo  e pubblichiamo

Forza Nuova Provincia di Varese, con la seguente nota, intende replicare alle dichiarazioni dell’assessore samaratese Laura Moi contenute in un articolo del quotidiano La Prealpina di domenica 16 dicembre. Il responsabile Russo Federico intende affermare: << la nostra azione del 12/12 è stata forte, irriverente, goliardica ma anche mirata a denunciare l’ennesimo fallimento del Controllo del Vicinato; ci saremmo aspettati una replica un po’ più corposa di contenuti quanto comprensiva, sempre che di reale contrapposizione si parli, di una documentata avversione alle nostre proposte. Sempre a nostro giudizio l’evidente disattenzione e faziosità dell’assessore Moi si è palesata in due precisi passi del proprio intervento: nel definirci “quattro ragazzotti che non hanno la dignità di mostrarsi in viso” e “non rispettosi delle Forze dell’ Ordine sul territorio”: siamo ben più di quattro, non mossi da individuale esibizionismo documentiamo la nostra costante attività sul territorio dando priorità ai contenuti, firmando sempre ogni nostro intervento e rendendo pubblici i nostri recapiti a disposizione di qualsiasi cittadino necessiti della nostra assistenza. Con le Passeggiate per la Sicurezza non abbiamo mai manifestato mancanza di rispetto o volontà a sostituirci alle Forze dell’Ordine fornendo semmai attività supplementari di controllo, denunciando anche a quest’ultime la costante privazione di risorse economiche, giuridiche, operative. La responsabile di ciò è la politica governativa, rossa-giallo-verde, le cui emanazioni locali anche nei fatti illudono, bloccano, deresponsabilizzano i cittadini all’impegno diretto nella sicurezza. Invitiamo l’assessore Moi a scendere nelle strade con noi ed in generale ad un confronto obbiettivo, normative alla mano più proficuo possibile, nell’interesse di tutta la cittadinanza >>

 

Please follow and like us:
error

Lascia un commento