Varese Press giornale online

gli altri siamo noi

Scontro fra aereo in atterraggio e drone.

 Nessun ferito ma solo danni al velivolo. L’episodio all’aeroporto di Tijuana ha visto coinvolto un velivolo Aeromexico proveniente da Guadalajara con 189 persone a bordo

Disastro aereo sfiorato mercoledì all’aeroporto messicano di Tijuana dove un Boeing 737-800 del Gruppo Aeromexico decollato da Guadalajara con 189 persone a bordo, ha urtato contro un drone mentre era in fase di atterraggio. La polizia, ha avviato indagini. In una registrazione in cabina, i membri dell’equipaggio parlano di aver sentito un “botto abbastanza forte” e di avere chiesto alla torre di controllo di verificare se il naso del velivolo fosse danneggiato. Lo scontro è avvenuto poco prima dell’atterraggio. L’aereo è sbarcato normalmente e la sicurezza dei passeggeri non è mai stata compromessa. Nel corso degli ultimi mesi, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, numerosi sono stati i casi di collisioni sfiorati per un soffio tra aerei di linea e droni in prossimità di aeroporti, aree dove è assolutamente vietato far volare questi velivoli senza piloti, ma stavolta, benché senza o vittime, lo scontro in volo c’è stato, causando solo gravi danni al muso dell’aereo passeggeri. Mentre la maggior parte delle nazioni proibisce ai droni di volare su percorsi riservati agli aerei di linea, i milioni di piccoli dispositivi di consumo acquistati in tutto il mondo non possono essere monitorati sui radar, rendendo difficile per le autorità applicare le regole. Inoltre, molti utenti non conoscono le regole o non le seguono. La Federal Aviation Administration degli Stati Uniti, ha registrato un notevole aumento del numero di rapporti sulla sicurezza che coinvolgono droni negli ultimi anni e gruppi dell’industria aeronautica, ed ha invitato il governo a stringere le normative dopo che è stato rilasciato un video che mostrava un drone che volava in prossimità di un aereo di linea vicino a Las Vegas. Ci sono stati circa 6.000 avvistamenti di droni da parte di piloti, alcuni di loro da parte di equipaggi delle compagnie aeree, fino a giugno, secondo i dati della FAA. Finora, il National Transportation Safety Board degli Stati Uniti ha esaminato una collisione a mezzogiorno confermata che coinvolge un drone. Un elicottero dell’esercito ha colpito il piccolo apparecchio da hobbista vicino a Staten Island, New York, nel settembre 2017, causando danni relativamente lievi. Il Consiglio di sicurezza del trasporto del Canada ha concluso che un piccolo drone ha colpito un turboelica che trasportava sei passeggeri vicino a Quebec il 12 ottobre 2017. Il drone ha causato un’ammaccatura in un’ala e il volo commerciale è stato in grado di atterrare in sicurezza, hanno detto gli investigatori in un rapporto. Un elicottero si è schiantato a Charleston, in South Carolina, a febbraio, dopo che il pilota ha tentato di eludere un drone, secondo un rapporto della polizia. In uno studio del 2017 basato su modelli computerizzati, la FAA ha concluso che i droni causerebbero più danni degli uccelli di dimensioni simili perché contengono parti metalliche. Lo studio ha rilevato danni significativi a parabrezza, ali e superfici di coda degli aerei. Ma il danno che un piccolo drone in volo potrebbe causare non sarebbe stato probabilmente catastrofico, secondo lo studio.

Lecce, 15 dicembre 2018

Giovanni D’AGATA

Please follow and like us:
error

Lascia un commento