Varese Press giornale online

gli altri siamo noi

Pubblicato il: 15 Dicembre 2018 alle 15:28

Busto, la Chiesa di San Michele secondo Agostino Di Francesco

La Chiesa è uno dei più importanti luoghi di culto cattolici di Busto; sorge nel luogo dove i Longobardi edificarono una fortificazione distrutta verso la fine del 200 ed intitolata al Santo Patrono di questo popolo.

La Parrocchia San Michele Arcangelo è animata da diversi gruppi di diverso genere: formativo, liturgico pastorale, caritativo, culturale. L’ascolto della Parola, la celebrazione dei sacramenti e il servizio della carità disegnano il volto di una comunità che si vuole sempre più 
missionaria, http://sanmichelebusto.it  

La Facciata

fu realizzata su progetto di Francesco Maria Richini (Milano, 1583-1659) e conclusa nel 1796 dall’ingegnere architetto Bernardino Ferrario.

Semplice e severa come l’interno, è composta da due piani scanditi da lesene e chiusi da un frontone triangolare coronato da cinque statue di angeli collocate nel 1726, al centro delle quali è posta quella di San Michele.

Nella facciata si aprono poi due nicchie per piano contenenti statue dei Dottori della Chiesa latina, san Gerolamo,  san Agostino (1796), san Gregorio e sant’Ambrogio (1726).

Nel piano inferiore è posto un bassorilievo marmoreo raffigurante la Vergine con il Bambino (1793).

Il rivestimento marmoreo in botticino e nembo roseo, il maestoso portale in bronzo e la cancellata in ferro battuto del sagrato sono stati realizzati nel 1925.

Il resto lo potete leggere, cliccando qui

Lascia un commento