Varese Press giornale online

gli altri siamo noi

Pubblicato il: 13 Dicembre 2018 alle 18:46

Muore a 16 anni folgorato dalle sue cuffie.

Sono almeno quattro i casi nel 2018: in tutti gli episodi, le persone avevano le cuffie connesse a un cellulare in carica

Tragedia a Rembau, in Malesia, dove un ragazzino è rimasto folgorato a morte mentre ascoltava le cuffie collegate a un cellulare. Il corpo senza vita del sedicenne Mohd Aidi Azzhar Zahrin è stato ritrovato dalla madre, sdraiato immobile sul pavimento e freddo al tatto, riferisce il New Straits Times. Oltre  alle ustioni alle orecchie da quella sinistra presentava fuoriuscita di sangue dal condotto uditivo. Inutili i soccorsi. I primi esami medici condotti sul corpo del giovane non hanno mostrato segni di lividi o lesioni esterne, ma solo alcune ustioni all’orecchio sinistro ed otorragia. L’autopsia fatta in seguito ha confermato che a causare la morta del sedicenne è stata la scarica di elettricità attraverso le cuffiette. Cosa è successo esattamente? L’adolescente stava ascoltando musica con le cuffie sul suo telefono mentre il suo cellulare stava caricando. Anche suo fratello ha sentito una leggera scossa elettrica quando ha toccato il cavo, fornendo lo spunto che era difettoso. Non sono stati comunicati né il modello né la marca del dispositivo. Una foto è stata fatta circolare dalle autorità per avvisare del pericolo di usare un telefono cellulare. Purtroppo, ci sono dei precedenti, praticamente identici a quanto successo a Mohd Aidi Azzhar Zahrin. Sono almeno quattro le persone morte quest’anno in seguito a una scarica elettrica arrivata dalle cuffie. Nel febbraio scorso, la studentessa di 17 anni Luiza Pinheiro è stata trovata morta sul pavimento della sua casa a Riacho Frio, in Brasile, dopo che “un’enorme carica elettrica” è esplosa nel suo cellulare e le cuffie si sono sciolte nelle sue orecchie. Per Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, è l’ennesima tragedia rimbalzata alle cronache che ci lascia increduli e attoniti.  Ancora una volta in discussione i rischi connessi all’uso di telefonini e smartphone che sono diventati oggetti insostituibili nella vita di ognuno di noi. Proprio per questo, è necessario che le case produttrici adottino maggiori accorgimenti, anche in termini d’informazione ai consumatori per evitare che si ripetano casi analoghi.

Lecce, 13 dicembre 2018

Giovanni D’AGATA

Lascia un commento