Varese Press giornale online

gli altri siamo noi

Pubblicato il: 12 Dicembre 2018 alle 12:52

Terroristi liberi?

Sembra un paradosso, mentre a Strasburgo si fa la conta delle vittime, morti e feriti, per mano di un terrorista di matrice islamica, la magistratura italiana rimette in libertà stamani i cinque pakistani finiti dietro le sbarre con l’accusa di terrorismo nell’aprile 2015, dopo un gran lavoro Investigativo da parte della Digos.

Questa è la decisione del tribunale del riesame della corte di Assise di Sassari, che ha scarcerato dunque gli stranieri per decorrenza dei termini di carcerazione preventiva, che alla ripresa del processo, ai pakistani non saranno più applicate le misure di sicurezza che, prima della scarcerazione, portavano l’udienza a svolgersi in un’aula chiusa e protetta.

Qui l’interrogativo, come si può pensare in tema di detenzione per terrorismo, l’applicazione dei termini di carcerazione preventiva, non possono essere considerati stante il potenziale pericolo per la Sicurezza Nazionale, già acclarato dalle attività investigative.

Quindi,

Nonostante l’obbligo di dimora a cui verranno sottoposti, unitamente all’obbligo quotidiano di presentarsi presso gli uffici delle forze dell’ordine, I soggetti torneranno effettivamente liberi e trattasi di, Sultan Wali Khan, Ridi Yahia Khan, Imitias Khan e Syar Khan, che sono già rientrati ad Olbia.

Mentre Hafiz Muhammad Zulkifal, invece, sta facendo ritorno a Zingonia.

Quest’ultimo è bene ricordare alla Magistratura e al Ministro di Grazia e Giustizia, come riportava “Il secolo d’Italia”, il procuratore distrettuale Mura, lo definì come un personaggio di spiccato spessore criminale e pericoloso, molto abile nel reclutamento di volontari pronti ad immolarsi per la causa, quindi un personaggio pericoloso ai fini della sicurezza pubblica e nazionale”.

Pertanto in nome di quale senso di giustizia, queste cellule terroristiche sono state rimesse in libertà con il potenziale intento di reiterare nelle condotte criminose in danno della sicurezza nazionale.

EP

Consulente per la Sicurezza

Esperto di Terrorismo

[email protected]

Lascia un commento