Varese Press giornale online

gli altri siamo noi

Pubblicato il: 24 Novembre 2018 alle 10:05

Rapex: richiamo per le Fiat 500X. “Condizioni di guida non sicure!”

 Il rapex, un organismo dell’unione europea impegnato nella vigilanza sul corretto funzionamento di tutti i prodotti in vendita nell’unione europea, segnala un difetto di livello grave al un difetto al fermo del sedile, che potrebbe  causare “lesioni”

 

Non c’è pace per le vetture FIAT, che continuano a essere afflitte da gravi problemi di qualità: una dei più popolari crossover del marchio torinese è stata segnalato per un serio “warning” dal Rapex – Rapid Alert System for non-food dangerous products. L’avviso con “Livello di rischio serio” è inserito dall’Italia nel bollettino del 23 novembre 2018. Il richiamo che sta per essere attuato dalla casa torinese riguarda la FIAT 500X prodotta tra il 2 giugno 2015 e il 17 agosto 2018: numero di modello: Omologazione CEE numero: E3 * 2007/46 * 0318 * 02; Tipo: 334. La segnalazione ” A12/1735/18 “, nel bollettino Rapex pubblicato oggi si riferisce a “un difetto al fermo del sedile. Tale problema potrebbe far piegare in avanti il sedile e un maggiore rischio di lesioni per i passeggeri.”. E il bollettino Rapex conclude sinteticamente ”non si possono escludere condizioni di guida non sicure”. Pur non essendoci stati incidenti – segnala Giovanni D’Agata presidente dello “Sportello dei Diritti” – è consigliabile che i proprietari di queste auto prestino la massima attenzione e che si rivolgano subito alle autofficine autorizzate o ai Concessionari FIAT nel caso in cui la propria autovettura corrisponda al modello in questione. FIAT non ha indicato quanti modelli sono stati identificati in Italia. Segnalazione presentata dal Ministero dei trasporti di  Germania. Sono stati rinvenuti prodotti e adottate misure anche nei  Paesi Bassi.

Lecce, 23 novembre 2018                                                                                                                                                                                            

Giovanni D’AGATA

Lascia un commento