Varese Press giornale online

gli altri siamo noi

Pubblicato il: 24 Novembre 2018 alle 19:26

Il libro WELCOME IN sarà A BOOKCITY MILANO il 18/11

Per non essere un punto su una mappa: traiettorie di attrattività territoriale. Con Giacomo Biraghi, Francesca Brianza e Massimiliano Serati. Modera Maria Cristina Origlia.

Il libro WELCOME IN sarà presentato domenica 18 novembre 2018, ore 10.30, presso l’Area Scavi diBorsa Italiana a Milano.

A cura di Massimiliano Serati, con la prefazione di Luca Gotti e la postfazione di Federico Visconti, il libro è un viaggio attraverso le performance dei territori lombardi, parlando di imprese, persone, cervelli, ricchezze, resilienza, qualità della vita, turismo e molto altro.

Per scoprire dove è ottimale insediare un’attività d’impresa, dove si producono i talenti, in quali zone si vive meglio e quali sono le performance delle filiere produttive della regione.

Un viaggio dalla Valtellina all’Oltrepò alla ricerca di traiettorie di sviluppo che aprano nuove prospettive per l’iniziativa imprenditoriale, per la buona politica, per le Università e in sostanza per ognuno di noi.

Un percorso di ricerca ed esplorazione insolitamente narrato all’interno di una storia… con un finale a sorpresa.

La competizione tra territori per il primato dell’attrattività è diventata giorno dopo giorno sempre più intensa. Attrattività a 360 gradi: nei confronti dei capitali, delle attività produttive, dei flussi turisti e dei potenziali cittadini residenti.

Nella frenesia della competizione ognuno cerca di esibire unicità, primati ed eccellenze che lo distinguano dal resto del mondo, col rischio di favorire un percepito di polverizzazione territoriale che trasforma la mappa geoeconomica in una nuvola confusa di punti e non gioca certamente a favore della attrattività.

Non esistono formule esoteriche per superare magicamente questo empasse, ma un mix di buone pratiche, ingredienti territoriali e progettuali di qualità, clusterizzazione geografica e capacità di visione strategica può essere la leva per vincere la competizione, favorendo l’incontro tra offerta e domanda di territori.

Lascia un commento