Varese Press giornale online

gli altri siamo noi

Pubblicato il: 24 Novembre 2018 alle 19:20

Fagnano Olona, Martina Grioni giovane e vincente a Uboldo per il Tiro a Volo Fagnano

La giovanissima Martina Grioni, classe 1999, si è aggiudicata ilTitolo di Campionessa Regionale FITAV del Settore Giovanile nellaspecialità di Fossa Olimpica del 2018 che si è svolto al Tiro a VoloBelvedere di Uboldo la scorsa domenica 28 ottobre 2018.

Lei, con altri ragazzi e ragazze fanno parte del CAS (centro diavviamento allo sport) della ASD Tiro a Volo Fagnano e costituiscono il“vivaio” degli atleti che hanno scelto questa disciplina (olimpionica)come attività sportiva.

Martina ha mosso i suoi primi passi all’interno del CAS condeterminazione, entusiasmo ed impegno tali da contagiare anche ilfratello minore Matteo che ora fa parte integrante del gruppo.

Questo sport non è semplice. Oltre alla tecnica, occorre unireforte motivazione, concentrazione, preparazione fisica e soprattuttomentale. Uniti ad un perfetto atteggiamento posturale ed adattamentoallo stress.

All’interno del CAS gli atleti vengono seguiti negli allenamenti inpedana dagli istruttori Mauro Bassi e Corrado Roveroni che uniscono leloro competenze specifiche e multidisciplinari per fornire il migliorsupporto professionale ai loro ragazzi.

Mauro è un istruttore ed allenatore federale di 3° livello, edinternazionale ISA. Corrado istruttore federale ed internazionale ISSFsi è ulteriormente specializzato in nell’area della psicologia dellosport ottenendo la qualifica di Istruttore Mental Training di II°Livello (AICS) e quella di Istruttore Nazionale per la GinnasticaPosturale (AICS).

I ragazzi del CAS della ASD Tiro a Volo Fagnano hanno quindil’opportunità di essere seguiti non solo prevalentemente nellapreparazione tecnica ma anche nell’insieme di tutte le altre componentiche il tiro a volo necessita.

Martina Grioni ne è stata l’esempio. Quando si prepara per una gara la sua concentrazione diventa massima.

Lo stress sale alle stelle. Per questo i momenti che precedono l’entrata in pedana sono importantissimi.

Il dialogo preventivo con l’istruttore per mettere a punto imeccanismi di autovalutazione sono essenziali e poi durante tutta lagara.

Vengono sussurrati consigli, informazioni, piccoli dettagli. Maoccorre fornire informazioni chiare, verbali o meno e nei tempicorretti.

Considerando il carattere di ogni atleta, l’età anagrafica, laprestazione in atto e l’evoluzione stessa della gara. Ogni atleta ha ilsuo linguaggio.

Mauro Bassi e Corrado Roveroni si dividono i compiti per cercare di fornire il massimo aiuto.

Martina è ancora giovane ma ha iniziato un percorso davverointeressante. Ha determinazione con un forte carico emotivo comunqueessenziale per la prestazione.

Occorre un mix tra stress, calma ed emozioni e tutte le volte che sale in pedana ci fa vivere la sua gara con intensità.

A Uboldo, sotto ad una pioggia torrenziale, dopo 50 piattelli hadovuto andare allo spareggio (il termine tecnico è shot-off). E li ci sigioca tutto. Chi sbaglia per primo perde. Ma lei ha vinto.

Questo è uno sport di consapevolezza, di motivazione e di caratteree di sacrificio, e in questo caso Martina Grioni è stata esemplare.

Please follow and like us:

Lascia un commento